Munich Re: Ian pesa per 1,6 mld €, target di profitto 2022 “più impegnativo” da raggiungere

Il colosso mondiale della riassicurazione Munich Re ha riportato perdite legate all’uragano Ian nell’ambito della sua attività di riassicurazione danni e infortuni per circa 1,6 miliardi di euro dopo la retrocessione, sulla base di una perdita del mercato assicurativo di circa 60 miliardi di dollari (escluso il NFIP).

Il riassicuratore fa notare che nel terzo trimestre del 2022 ha registrato una spesa per grandi sinistri superiore alla media nella riassicurazione P&C a causa dell’impatto dell’uragano Ian, che rimane soggetto a “sostanziale incertezza”.

“A seconda dell’esito della chiusura trimestrale in corso – e grazie al mantenimento di performance operative incoraggianti in tutti i rami e a un effetto positivo una tantum in ERGO Life and Health Germany – Munich Re prevede un utile trimestrale di circa 0,5 miliardi di euro”, afferma il riassicuratore europeo.

Allo stesso tempo, Munich Re prevede ancora di produrre un utile di circa 3,3 miliardi di euro per l’intero anno, ma osserva che è diventato “significativamente più impegnativo” raggiungere il suo target di utile per il 2022, che è soggetto alla realizzazione degli effetti positivi una tantum attualmente previsti, in particolare per quanto riguarda gli investimenti.

Il riassicuratore spiega che la previsione si basa ancora sul fatto che le perdite maggiori nel quarto trimestre siano in linea con le aspettative, osservando che un budget di perdite maggiori di oltre 1 miliardo di euro equivale al 13% dei premi netti di competenza.