SCOR: risultati del III trimestre colpiti dalle inondazioni e dall’uragano Ida

Il riassicuratore francese SCOR ha registrato una perdita netta di 41 milioni di euro nel terzo trimestre. Nei primi nove mesi dell’anno, tuttavia, l’utile netto è aumentato del 151%.

Le catastrofi naturali hanno messo a dura prova i risultati di SCOR nel terzo trimestre. I suoi conti sono andati in rosso con una perdita netta di 41 milioni di euro rispetto al Q3 2020. Ciò è dovuto in particolare al pesante conto per le inondazioni avvenute in Europa a luglio (206 milioni di euro al netto della retrocessione) e all’uragano Ida, che ha colpito gli Stati Uniti a settembre (137 milioni di euro al netto della retrocessione). Di conseguenza, il combined ratio dei suoi affari property e casualty è salito al 112% nel 3° trimestre 2021.

Nei primi nove mesi dell’anno, il riassicuratore è invece in attivo con un utile netto di 3,39 miliardi di euro, in crescita del 151,1% su un anno. Questo nonostante le perdite da catastrofe e quelle legate alla pandemia.

SCOR ha infatti continuato a subire perdite legate a Covid-19 negli ultimi nove mesi. Nel ramo Danni, il costo dei sinistri (principalmente dovuto alla copertura dell’interruzione dell’attività) ammonta a 109 milioni di euro al netto della retrocessione nella prima metà del 2021. Poiché i trattati di riassicurazione includono ora le esclusioni Covid, i conti del terzo trimestre non sono stati interessati.

SCOR

Le perdite da Covid compensate dall’accordo di SCOR con Covéa

È soprattutto il ramo riassicurativo vita e salute (SCOR Global Life) che ha registrato le maggiori perdite dovute alla pandemia: 299 milioni di euro al netto della retrocessione (di cui 241 milioni di euro negli Stati Uniti, dove SCOR è il primo riassicuratore vita). Il riassicuratore ha cominciato a riequilibrare il suo portafoglio per ridurre la sua esposizione alla mortalità sull’altro lato dell’Atlantico grazie all’accordo di retrocessione firmato con il gruppo di mutua assicurazione Covéa la scorsa primavera. Questi trattati di retrocessione, messi in atto nell’ambito dell’accordo transattivo firmato dai due gruppi rivali, hanno permesso a SCOR di generare un guadagno netto di 313 milioni di euro, sovracompensando così le perdite subite da Covid.

Forte crescita dei premi danni

SCOR mostra anche un forte slancio commerciale, con premi in aumento del 12,7% nel terzo trimestre e del 6,2% negli ultimi nove mesi. Il gruppo punta in particolare sulla ripresa dei prezzi della riassicurazione property e casualty, che dovrebbe diventare più pronunciata nel 2022, prevede alla vigilia del rinnovo dei trattati. SCOR prevede una crescita dei suoi premi property e casualty del 15-18% nel 2022.

L’indice di solvibilità del gruppo si attesta al 225% a fine settembre 2021, al di sopra del range ottimale definito nel suo piano strategico. Poiché l’ACPR ha definitivamente eliminato le restrizioni alla politica dei dividendi, SCOR ha deciso di attuare un programma di riacquisto di azioni fino a 200 milioni di euro, che si aprirà il 28 ottobre 2021 e si concluderà entro marzo 2022. È in questa data che il nuovo amministratore delegato del riassicuratore, Laurent Rousseau, succeduto a Denis Kessler il 1° luglio 2021, presenterà il nuovo piano strategico che entrerà in vigore il 1° gennaio 2023.