I principali rischi del nostro sistema previdenziale

PREVIDENZA

Autore: Silvin Pashaj e Maria Elisa Scipioni
ASSINEWS 335 – novembre 2021 

Il rischio Macroeconomico       

Il sistema di previdenza pubblica, parliamo quindi del primo pilastro obbligatorio, eroga le prestazioni con il cosiddetto sistema con funzionamento a ripartizione: le pensioni in essere sono pagate tramite i contributi dei lavoratori attivi.
Il sistema si sostiene sull’equilibrio, più o meno stabile, tra lavoratori attivi e pensionati. Tanto più il primo gruppo è numeroso tanto più il sistema è efficiente, viceversa tanto più è elevato numericamente il secondo gruppo tanto più il sistema necessita di risorse e rischia di avere perdite e deficit.

Le tendenze degli ultimi decenni hanno visto crescere in maniera alquanto sostenuta il numero dei pensionati rispetto ai lavoratori attivi, anche più intensamente di quanto ci si attendeva.
Il sistema a ripartizione è stato pertanto costretto a molteplici interventi atti a riequilibrare il deficit progressivo che si era venuto a creare.

La riforma più significativa in tal senso, rimane senz’altro quella attuata dalla legge Dini nell’agosto 1995, attraverso la quale si è passati dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata