Munich Re prevede un mercato hard “prolungato” nella riassicurazione

Munich Re prevede un indurimento “prolungato” del mercato della riassicurazione, con aumenti dei tassi previsti per i rinnovi di gennaio 2022 

L’aumento dei prezzi per vari asset e le ultime grandi perdite rendono probabili tassi di riassicurazione notevolmente più elevati in Europa. Le grandi perdite prodotte dalle inondazioni estreme in Europa centrale e l’aumento degli eventi meteorologici come la siccità e gli incendi colpiscono regioni che, in alcuni casi, non sono caratterizzate da prezzi e condizioni adeguate al rischio. Inoltre, l’aumento dell’inflazione è accompagnato da continui bassi tassi d’interesse per gli investimenti. Di conseguenza, vedo una serie di indicatori per un prolungato irrigidimento del mercato quando arriveranno i rinnovi“, ha detto Doris Höpke, membro del Board di Munich Re.

Munich Re

Munich Re: le catastrofi naturali e l’inflazione pesano sulla riassicurazione

Dopo le perdite significative in Germania e in Europa dovute alle inondazioni, Munich Re ha detto che “l’influenza del cambiamento climatico… deve essere presa in maggiore considerazione nelle valutazioni del rischio“.

Anche l’aumento dell’inflazione è un fattore, con tassi d’inflazione che dovrebbero rimanere al di sopra dei livelli pre-pandemici, con ramificazioni sui costi dei sinistri.

Queste due condizioni, le catastrofi legate al clima e l’inflazione, “stanno producendo una pressione al rialzo quando si tratta di prezzi assicurativi”, ha detto Munich Re.

Munich Re punta ad andare oltre la semplice fornitura di capacità riassicurativa, per offrire soluzioni di resilienza per pericoli, dai rischi di catastrofi naturali alle esposizioni informatiche.

Ecco come vedo il ruolo futuro dell’assicurazione: Vogliamo essere il partner centrale per la gestione completa del rischio, essere un fornitore di resilienza, se volete. La base per l’assicurazione, e per la gestione del rischio di qualsiasi tipo, è di monitorare e capire i rischi, e successivamente sviluppare soluzioni lungimiranti che possono rafforzare la società a lungo termine. E naturalmente vogliamo contribuire a ridurre le notevoli lacune assicurative che si possono ancora trovare in molti paesi industrializzati, come l’assicurazione per le perdite da inondazione in Germania. Altrimenti, molte persone non avranno modo di coprire le loro perdite, o dovranno sperare di ricevere un sostegno statale, anche se queste perdite avrebbero potuto essere assicurate in cambio di un premio adeguato”, ha spiegato Höpke al meeting sulla riassicurazione di Baden-Baden.

Höpke ha detto che “la capacità non è scarsa”, ma ritiene che una “crescente consapevolezza del rischio” e l’onere delle perdite, in particolare in Europa, dove il mercato è stato molto morbido, porti ad un trend di inasprimento dei prezzi.

Ha detto che il mercato della riassicurazione non si irrigidirà come si è visto venti o più anni fa, ma i tassi sono inadeguati e quindi c’è da aspettarsi un ulteriore irrigidimento oltre a quello degli ultimi anni.

Intanto, per il 3° trimestre 2021, Munich Re – nonostante abbia preannunciato perdite per circa 600 milioni di euro a causa dell’impatto della tempesta di vento Bernd in Europa a luglio, e perdite per circa 1,2 miliardi di euro a causa dell’uragano Ida negli Stati Uniti – prevede ancora di ottenere un risultato preliminare per il trimestre di circa 400 milioni di euro, raggiungendo un risultato di circa 2,1 miliardi di euro per i primi nove mesi. Per l’intero anno 2021, Munich Re prevede di raggiungere il suo obiettivo di utile complessivo di 2,8 miliardi di euro.

L’azienda attribuisce questo risultato preliminare positivo alla “continua performance positiva in tutti i segmenti e a un elevato risultato degli investimenti – dovuto in parte anche a grandi guadagni sulle cessioni – nonché a un elevato risultato di conversione valutaria”.