La classificazione dei rischi

RISK MANAGEMENT DELLA FAMIGLIA

Autore: Silvin Pashaj e Maria Elisa Scipioni
ASSINEWS 335 – novembre 2021     
 

Un metodo rigoroso e oggettivo  

È meglio accettare il totem del cavallo per ingraziarsi gli dei o è meglio lasciarlo fuori le mura per evitare qualche recondito pericolo? La vita è da sempre connotata da scelte sull’assunzione di rischi più o meno gravi, importanti, personali o collettivi.
Cercare di aggiungere un tassello al grandioso edificio di quanto è già scritto sul tema è impresa difficile, in ogni caso limitata e necessariamente incompleta e bisognosa di confronto con visioni alternative.

Cerchiamo pertanto di delimitare correttamente l’ambito della nostra discussione. Stiamo ragionando sulla consulenza per l’ottimizzazione della tutela assicurativa della persona e le azioni da intraprendere per implementarla.
Fare delle scelte implica sempre disporre di un chiaro criterio di raffronto e per evitare l’errore fatale di contare e confondere le pere con le mele, il primo basilare requisito è quello di riconoscere e considerare fenomeni, situazioni ed eventi che posseggono gli attributi giusti per applicare una corretta e omogenea metodologia di misurazione.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata