Auto aziendali: la riconversione green ancora troppo lenta

Sul futuro delle auto aziendali regna una grande incertezza. Se è vero che tutti sono concordi sulla necessità di passare alle flotte green, le aziende non hanno le idee chiare sulle tempistiche della riconversione.

Secondo un sondaggio condotto da GR Advisory sui trend riguardanti le auto aziendali il 62,6% dei fleet manager italiani è convinto sia arrivato il momento di passare ai veicoli elettrici o ibridi. Tuttavia, solo il 25% ha elaborato, in maniera completa o parziale, un piano di conversione per una mobilità sostenibile.

Il sondaggio patrocinato da Aiga, Associazione Italiana Acquirenti e Gestori Auto Aziendali, ha coinvolto circa 500 aziende in Italia rivelando che l’impatto della mobilità elettrica riguarda le imprese di tutte le dimensioni (metà dei rispondenti sono aziende con flotte inferiori a 100 veicoli e il 35% sotto alle 50 unità), impegnate a pesare l’impegno economico e temporale del cambiamento. Il 60% ha fissato un obiettivo di riduzione almeno pari a metà delle emissioni di CO2, tuttavia, solo il 40% lo ha legato a una data precisa (2023 per i più ottimisti, 2025 per gli altri) e una parte di essi effettuerà la transizione solo se costretto dalla paventata messa al bando del motori diesel.

auto aziendali

“È significativo l’approccio delle aziende riguardo ai costi delle auto ibride e elettriche”, afferma Davide Gibellini, Ceo & managing partner GR Advisory. “Appena il 5% spera di ottenere dalla conversione ai nuovi motori una riduzione dei costi. Oggi i 4 principali vantaggi ricercati dalle società attraverso le auto elettriche sono: migliorare l’immagine aziendale (71%), ridurre significativamente le emissioni di CO2 (53%), risparmiare sui consumi (47%) e ottenere vantaggi alla circolazione (ZTL e parcheggi)”.

Risulta molto limitato il coinvolgimento degli assegnatari, sia attraverso processi strutturati di raccolta feedback (appena il 7% ha effettuato una survey tra i driver aziendali) o forme di incentivazione (13,3%), che non siano l’installazione di colonnine di ricarica nei parcheggi aziendali o di wallbox a domicilio.