AIR: i riassicuratori dovrebbero aspettarsi perdite globali annuali da catastrofi naturali per oltre 100 mld $

Secondo AIR Worldwide il settore assicurativo e riassicurativo dovrebbe attendersi un conto medio annuo a lungo termine di circa 106 miliardi di dollari da catastrofi naturali globali

AIR Worldwide di Verisk ha pubblicato il suo rapporto 2021 Global Modeled Catastrophe Losses, che mostra che gli ultimi anni di perdite da catastrofi naturali non sono anomali.

Mentre c’è stata una giustificata preoccupazione per le perdite dovute a eventi estremi negli ultimi anni, al di fuori del 2017, le perdite globali assicurate effettive sono state inferiori alla media di lungo termine“, ha detto Bill Churney, presidente di AIR Worldwide.

catastrofi naturali

Perdite da catastrofi naturali superiori a 200 mld in futuro

AIR dice che c’è più del 40% di possibilità che il settore ri/assicurativo subisca perdite da catastrofi naturali superiori ai 200 miliardi di dollari nel prossimo decennio, prima di contabilizzare la crescita dell’esposizione immobiliare o il cambiamento climatico.

Il nostro rapporto mostra che il settore assicurativo globale dovrebbe attualmente aspettarsi una perdita media annuale di lungo periodo di 106 miliardi di dollari. Questo supera notevolmente la perdita media effettiva dell’ultimo decennio di circa 75 miliardi di dollari e ci ricorda che siamo stati fortunati a non aver avuto un grande ciclone tropicale o un terremoto in una regione altamente popolata. Tuttavia, tali eventi possono verificarsi e si verificheranno nelle condizioni climatiche di oggi e la società deve continuare a concentrarsi per garantire la resilienza ai rischi di oggi, guardando anche a come il rischio potrebbe cambiare nei decenni a venire“, ha continuato Churney.

Gap di protezione

L’analisi di AIR rileva che in Nord America, che è uno dei mercati assicurativi più maturi del mondo, circa il 50% delle perdite economiche da catastrofi naturali è coperto dalla protezione riassicurativa.

Tuttavia, in Asia e in America Latina, per esempio, due regioni in cui la penetrazione assicurativa è in ritardo, le perdite assicurate rappresentano rispettivamente solo il 12% e il 24% delle perdite complessive.

Questo evidenzia il vasto divario di protezione (disparità tra perdite economiche e assicurate post-evento) che esiste sia nei mercati sviluppati che in quelli emergenti di tutto il mondo, che, come evidenziato da AIR, varia anche notevolmente in base al pericolo.

È interessante notare che l’edizione 2021 del rapporto sulle perdite di AIR include anche un’analisi sui rapporti dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) pubblicati di recente, in mezzo alla preoccupazione che i gap di protezione in tutto il mondo possano aumentare in un clima più caldo.

Resta da vedere quanto in alto arriveranno quest’anno le perdite da catastrofe sia economiche che assicurate. Ma con gli impatti di Uri, Ida e le recenti inondazioni in Europa, insieme agli incendi e a una serie di altri eventi in tutto il mondo, gli analisti hanno suggerito che le perdite assicurate nel 2021 saranno superiori alla media.