TORNARE SUL LUOGO DEL SINISTRO CON LESIONI NON EMENDA LA FUGA

Lo ribadisce la sentenza n. 28304 depositata il 12 ottobre 2020 dalla quarta sezione penale della Corte di Cassazione per i sinistri RCA con lesioni

GIURISPRUDENZA PENALE RC AUTO

di I. Macrì, L. Della Pietra e MR. OLIVIERO

La pronuncia

Il responsabile civile che ritorna sul luogo del sinistro dopo essere scappato è comunque responsabile ai sensi del comma 6 dell’Art. 189 del Codice della Strada perché il ripensamento, non può costituire «elemento valutabile ai fini della configurabilità della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto», anche alla luce del principio secondo cui «non rileva il comportamento tenuto dall’agente post delictum».

Il caso

Il caso di specie ha riguardato un automobilista condannato, nei due gradi di giudizio, per il reato di cui all’art. 189, co.6, CdS, perché, dopo avere causato un sinistro stradale, dal quale erano altresì conseguite lesioni a danno dell’altro soggetto coinvolto, si era dileguato dal luogo dell’incidente, per poi farvi ritorno dopo un certo lasso di tempo. L’imputato aveva giustificato il proprio allontanamento adducendo di essere andato a cercare soccorso presso un conoscente residente poco distante. Ed invero, lo stesso, a mezzo del suo difensore, proponeva ricorso avverso la sentenza di appello, affidandolo a due motivi, strettamente connessi: la violazione dell’art. 125 cod. proc. pen. e l’omessa motivazione in ordine al motivo di appello, specificamente proposto, inerente alla richiesta di proscioglimento per tenuità del fatto, ex art. 131 bis c.p.

La difesa

Nella prospettazione del difensore, difatti, si sarebbe potuta dare una lettura meno severa al comportamento del proprio assistito, sulla scorta non solo del suo atteggiamento consistito nel fare ritorno sul luogo ove si trovava la vittima, ma anche dell’entità – modesta – delle lesioni che quest’ultima aveva effettivamente riportato. Senonché, la IV Sezione penale della Corte di Cassazione, investita del ricorso, lo ha rigettato, condannando l’imputato al pagamento delle spese processuali…

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati