Moody’s, la crescita dei contagi frena ma non ferma la ripresa economica europea

Gli esperti di Moody’s ritengono che nonostante la seconda ondata del Covid, il ritmo della ripresa economica nelle cinque principali economie europee, seppure in rallentamento, non si è interrotto.

Lo si legge nel report dell’agenzia internazionale dedicata agli indicatori delle attività in Germania, Francia, Italia, Spagna e Regno Unito.

Il recente aumento dei casi di contagio da Covid-19 e la reintroduzione di misure di contenimento e di limitazioni agli spostamenti in Europa – si legge nel report – non si sono ancora tradotti in un calo della domanda. I livelli di preoccupazione per i contagi rimangono stabili e lo stesso vale per la fiducia dei consumatori sebbene su livelli relativamente bassi. Le vendite al dettaglio si stanno avvicinando ai livelli pre-crisi nella maggior parte dei paesi”.

Vincent Allilaire, autore del report, osserva che “Man mano vengono ristabiliti i normali trend di consumo i consumatori nelle principali economie europee non stanno più accumulando risparmi. Nel complesso la fiducia dei consumatori determinerà se la liquidità aggregata verrà spesa o risparmiata, dando così una forma precisa alla ripresa”. Secondo il rapporto anche le aziende hanno smesso di accrescere la liquidità avendo tratto vantaggio sia dalle condizioni offerte dai mercati che dalle banche per accrescere i loro livelli di liquidità sopra i livelli abituali.

Moodys'