Ivass: indagine su iniziative compagnie nel trasferire i risparmi da minore sinistrosità RCA nel lockdown

Durante il periodo di lockdown, gli assicurati hanno subito limitazioni nell’utilizzo dei
propri veicoli a causa delle restrizioni agli spostamenti disposte dal DPCM dell’11 marzo
2020; ne è seguita una riduzione della circolazione che ha significativamente diminuito la
frequenza dei sinistri stradali.

Alcune compagnie di assicurazione hanno già assunto negli scorsi mesi iniziative a favore degli assicurati per trasferire loro parte dei risparmi conseguenti alla minore sinistrosità.

L’IVASS a questo proposito intende svolgere un’indagine più strutturata per conoscere tali iniziative, adottate sia durante il lockdown che successivamente, al fine di valutarne la natura e l’ampiezza e misurarne i vantaggi economici per gli assicurati.

L’Istituto di Vigilanza chiede pertanto alle imprese italiane, alle Rappresentanze di Stati terzi e alle 4 principali imprese estere, operanti nel ramo R.C.Auto, di compilare e trasmettere, entro il 30 novembre un questionario che si compone di due gruppi di domande.

La prima parte del questionario presenta domande relative alle attività già poste in essere dalle imprese a beneficio degli assicurati r.c.auto con riferimento a:
– i settori tariffari per i quali sono state avviate delle iniziative;
– la denominazione del prodotto/i interessato/i dall’iniziativa;
– l’esistenza di condizioni particolari per l’attivazione del beneficio;
– la tipologia di benefit;
– le modalità di attivazione;
– le adesioni degli assicurati all’iniziativa e il relativo numero di contratti;
– l’ammontare economico complessivo (effettivo o stimato) dell’iniziativa;
– i canali utilizzati per sponsorizzare l’iniziativa.
La seconda parte del questionario è indirizzata a conoscere eventuali iniziative
future.

lockdown