Finaccord: medical malpractice mercato da oltre 16 mld $ nel 2019

Il valore totale dei premi per la medical malpractice nei cinque importanti mercati globali si è ridotto in termini reali tra il 2015 e il 2019, in quanto il settore pubblico ha dovuto sostenere maggiori costi nei mercati chiave.

Questo è uno dei risultati del nuovo rapporto di FinaccordMedical Malpractice Insurance in Significant Global Markets“, che analizza il mercato della responsabilità civile medica in 15 paesi: Australia, Austria, Belgio, Canada, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Sudafrica, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Inoltre, lo studio quantifica le dimensioni del mercato dell’assicurazione RC medica a livello globale, con stime per altri importanti Paesi come Brasile, Cina e Giappone.

Il calo è stato in parte causato dal calo del numero di imprese opreanti nel settore in alcuni Paesi, come l’Italia e gli Stati Uniti, mentre sia in Italia che nel Regno Unito il settore pubblico sta svolgendo un ruolo maggiore nell’assunzione dell’onere delle passività. I premi pagati dalle istituzioni sanitarie pubbliche in Italia si sono quasi dimezzati tra il 2010 e il 2019 e sono stati sostituiti da un’autoassicurazione sostenuta dal Ministero della Salute. Nel Regno Unito, il mercato ha risentito dell’introduzione, nel 2019, di programmi sostenuti dallo Stato per l’Inghilterra e il Galles, che forniscono una copertura ai medici di base per il trattamento dei pazienti all’interno del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Di conseguenza, questi medici hanno bisogno di una copertura molto inferiore da fornitori come la Medical Defence Union (MDU) o la Medical Protection Society (MPS).

medical malpractice

“In contrasto con i cambiamenti in questi paesi, il mercato continua a crescere altrove con ulteriori aumenti previsti fino al 2023”, ha commentato Emiliya Belcheva, consulente di Finaccord e co-autore dello studio. “Il Canada, l’Irlanda e la Svizzera hanno prodotto tassi di crescita annuali composti superiori al 5% e sono tra i Paesi in cui il valore del mercato della rc medica è destinato ad aumentare in termini reali nei prossimi tre o quattro anni”.

Il rapporto esamina anche gli schemi di affinità per la copertura dei casi di malpractice medica tra gli assicuratori e le associazioni professionali. Finaccord ha effettuato ricerche su 814 organizzazioni in totale, suddivise in due categorie: servizi sanitari e medicina e odontoiatria. La seconda comprende le attività mediche e odontoiatriche e le attività ospedaliere, mentre la prima comprende altre attività sanitarie e veterinarie. Emiliya Belcheva ha continuato: “I tassi di fornitura variano molto da un Paese all’altro, dal 30% a quasi il 90%, con una media di poco più del 50% nei 15 Paesi analizzati. La maggior parte delle associazioni della categoria dei servizi sanitari aveva una partnership per l’assicurazione della responsabilità civile professionale (al 56%), mentre il tasso di fornitura tra le organizzazioni mediche e odontoiatriche era significativamente più basso, al 34%”.

Un altro risultato di questa ricerca è che questi schemi sono dominati dai broker, che sono stati coinvolti in oltre il 70% di queste partnership. Al contrario, solo il 20% di essi ha operato con sottoscrittori esterni senza il coinvolgimento di un broker.

Emiliya Belcheva ha anche commentato il futuro del mercato della malasanità medica sulla scia della pandemia COVID-19: “Finaccord ha previsto una forte recessione nel 2020 seguita da una graduale ripresa economica fino al 2023. Ci aspettiamo una crescita molto modesta nei Paesi in cui il valore del mercato è cresciuto rapidamente tra il 2015 e il 2019 e riteniamo che i premi totali nei 15 Paesi oggetto della ricerca diminuiranno in termini reali”.