Beirut, l’esplosione al porto ha causato una perdita economica di 7,5 mld $

L’Associazione delle compagnie di assicurazione del Libano (ACAL) ha stimato le perdite economiche dell’esplosione del porto di Beirut a 7,5 miliardi di dollari, secondo Elie Tarabay, presidente dell’ACAL e vicepresidente della General Arab Insurance Federation (GAIF).

La stima delle perdite assicurate per questo evento continua ad aggirarsi tra il miliardo e il miliardo e mezzo di dollari.

L’esplosione, che si pensa sia stata causata da 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinato in modo non sicuro, era abbastanza grande da danneggiare edifici a diversi chilometri di distanza e ha causato la morte di almeno 220 persone, oltre a migliaia di feriti.

Gran parte dell’area portuale è stata totalmente distrutta, con un cratere di 140 metri di diametro, il crollo parziale dei sili di grano, il crollo totale di magazzini e navi rovesciate.

A seguito dell’esplosione, i funzionari libanesi hanno dichiarato che l’evento avrebbe portato a perdite economiche comprese tra i 10 e i 15 miliardi di dollari, mentre le perdite assicurate sono rimaste incerte.

Il 10 agosto, il broker riassicurativo Guy Carpenter ha stimato che il conto assicurato per le perdite combinate di scafo, carico e impianti portuali dovute all’esplosione sarebbe stato probabilmente inferiore a 250 milioni di dollari.

Il giorno successivo, un rapporto di Al Roeya ha affermato che l’ACAL aveva stimato le perdite complessive dell’esplosione tra i 5 e i 10 miliardi di dollari, di cui circa il 30%, o addirittura 3 miliardi di dollari, dovrebbe essere coperto dalla riassicurazione.

Ora, Tarabay dell’ACAL e del GAIF, durante un webinar tenuto dal GAIF il 30 settembre 2020, ha affermato che l’impatto dell’esplosione di Beirut è stato di 7,5 miliardi di dollari di perdite.

Beirut