Aegon vende attività nell’Europa dell’Est

L’assicuratore olandese Aegon ha messo in vendita la sua attività nell’Europa dell’Est, cercando di raccogliere fondi per affrontare meglio le ricadute della crisi pandemica e di rinnovare i guadagni nei suoi mercati principali.

Secondo quanto reso noto da Reuters Aegon starebbe lavorando con JPMorgan sul processo e avrebbe tenuto discussioni preliminari con gli operatori del settore per vendere l’unità, che è focalizzata principalmente sull’Ungheria ma è attiva anche in Polonia, Romania e Turchia.

L’attività potrebbe essere valutata a circa 650 milioni di euro (767,85 milioni di dollari) e sarà venduta nell’ambito di un processo di vendita all’asta, hanno detto fonti vicine ai fatti.
L’assicuratore olandese NN Group e la belga KBC stanno entrambi studiando possibili offerte per le attività, mentre anche la rivale tedesca Allianz avrebbe espresso interesse, secondo le fonti.

Aegon, Allianz e il Gruppo NN si sono rifiutati di commentare.

L’amministratore delegato di Aegon, Lard Friese, che ha preso il timone a maggio ed è stato in precedenza CEO del Gruppo NN, ha dichiarato in agosto che avrebbe esaminato le operazioni della società in alcuni dei 20 mercati in cui opera nell’ambito dei suoi sforzi per preservare il capitale.
La società olandese aveva già ceduto le sue attività nella Repubblica Ceca e in Slovacchia al Gruppo NN per 155 milioni di euro nel 2018.

Aegon si concentra principalmente su assicurazioni vita, pensioni e gestione patrimoniale e si posiziona come quinto fornitore di assicurazioni vita in Ungheria.

Nel primo semestre del 2020 ha subito un calo del 30% degli utili sottostanti al lordo delle imposte a causa dell’aumento della mortalità e del calo dei tassi d’interesse negli Stati Uniti, dove possiede il marchio Transamerica e svolge i due terzi delle sue attività.

Aegon