Il 110% con vista oltre 2022

Il superbonus del 110% «durerà per tutto il 2021» e per le case popolari «fino al 30 giugno 2022», il restante sarà finanziato con il Recovery fund. Lo ha indicato in un’intervista il viceministro al Mef Laura Castelli. «E’ appena partito, si tratta di una misura storica che prevede la cessione del credito al sistema bancario, una battaglia storica del Movimento 5 Stelle». Tutto ciò mentre sono state definitivamente incardinate in commissione Finanze del Senato le proposte del Movimento 5 Stelle che intendono permettere l’utilizzo dei crediti d’imposta come mezzi di pagamento di beni e servizi, ha annunciato Emiliano Fenu (M5S), capogruppo pentastellato in Commissione e primo firmatario di una delle proposte. «E’ un passaggio importante a maggior ragione dopo l’intuizione del superbonus 110%, misura ideata e voluta da noi, Il M5s ritiene che il meccanismo della libera circolazione e cessione dei crediti d’imposta possa e debba essere esteso ad altri crediti d’imposta esistenti e introdotti dal Governo sotto forma di bonus. A tal fine abbiamo pronte proposte di implementazione di una piattaforma elettronica che certifichi questi crediti, ne garantisca una virtuosa circolazione e ne consenta l’utilizzo come strumento di pagamento di beni e servizi». «Grazie al superbonus al 110% ci sono grandi vantaggi per i cittadini, le aziende del settore, l’economia. Adesso è necessario che tutte le forze politiche si impegnino per arrivare alla proroga della misura fino al 2024», ha fatto eco su Facebook il deputato M5s Raphael Rauduzzi. Intanto Il Consiglio nazionale dei periti industriali è al lavoro per la creazione di un pool di professionisti, i consulenti tecnici industriali, per gestire l’intera filiera del superbonus, come ha reso noto il presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali Giovanni Esposito, per il quale «siamo davanti a un’incredibile opportunità di rilancio, ma districarsi tra certificazioni e tipologie di lavori ammessi rischia di vanificare gli sforzi e i benefici che si possono ottenere. Le novità sulla materia sono tante, per questo pensiamo a un pool di professionisti esperti che possano fornire tutte le risposte che possono servire”.

© Riproduzione riservata
Fonte: