Assicurazione viaggi: l’Eiopa mette in guardia il settore sulle commissioni

L’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA) ha pubblicato un’analisi sulle questioni relative alla tutela dei consumatori nelle assicurazioni viaggi.

Con la ripresa economica, all’indomani della crisi finanziaria e la diminuzione dei costi di viaggio, il numero di viaggiatori è aumentato ogni anno. Ciò ha portato alla crescita del mercato delle assicurazioni di viaggio.

L’assicurazione viaggi è per lo più un’attività di “piccola entità”, ma può essere fondamentale per i consumatori, poiché l’impatto di una copertura insufficiente o di richieste di risarcimento – in particolare per le spese mediche durante il viaggio – può essere ampio a livello individuale.

In alcuni paesi europei la questione è già stata al centro dell’attenzione delle autorità di vigilanza, visti i rischi specifici che essa comporta, legati ai conflitti di interesse derivanti da incentivi disallineati nei canali di distribuzione, ai problemi di comportamento dei consumatori nei cosiddetti mercati “add-on” e ai conseguenti rischi di scarso valore a livello dell’offerta di prodotti.

Inoltre, nel dialogo con l’EIOPA le parti interessate hanno evidenziato questioni relative alla copertura, ai reclami negati, a termini e condizioni poco chiari e contrastanti, analogamente ai dati raccolti dall’EIOPA nel contesto della segnalazione delle tendenze dei consumatori.

Il settore delle assicurazioni viaggi sta affrontando importanti cambiamenti con nuove opportunità, ma allo stesso tempo con l’acuirsi dei problemi esistenti e di nuovi rischi. Le imprese di assicurazione hanno integrato le nuove tecnologie nei loro modelli di business, portando a cambiamenti lungo l’intera catena del valore, mentre nuovi tipi di distributori sono entrati sul mercato. Particolari preoccupazioni sorgono per quanto riguarda l’aumento delle commissioni, lo sfruttamento dei pregiudizi comportamentali nella vendita di polizze di assicurazione viaggi online e la potenziale erosione del valore e delle caratteristiche del prodotto.

Per comprendere meglio i prodotti assicurativi per i viaggi, per identificare le fonti potenziali di rischio di condotta e di danno per i consumatori e per adottare le eventuali azioni di vigilanza necessarie, l’EIOPA ha lanciato questo esame tematico, inviando un questionario a 201 imprese di assicurazione operanti in 29 paesi europei per raccogliere prove. Le autorità nazionali competenti (ANC) hanno distribuito il questionario alle imprese che rappresentano circa il 60% del totale dei premi lordi contabilizzati del ramo di assicurazione viaggi sul mercato nazionale. Inoltre, l’EIOPA ha raccolto contributi dalle associazioni del settore e dei consumatori, nonché dal suo gruppo delle parti in causa nel settore dell’assicurazione e della riassicurazione.


Ne è emerso:
– Il mercato dell’assicurazione viaggi nel suo complesso non sembra affrontare un fallimento generale del mercato e i prodotti di assicurazione viaggi rimangono preziosi per i consumatori. Tuttavia, l’aumento dei rischi di comportamento portano a danni per i consumatori a causa di modelli di business problematici con strutture retributive basate su livelli di commissioni estremamente elevati.

– Forte potenziale di un basso rapporto qualità-prezzo per i consumatori a causa di alcuni assicuratori che pagano commissioni estremamente elevate ai distributori, in alcuni casi molto più del 50% del premio. Ad esempio, in un caso, l’assicuratore ha pagato ai distributori commissioni 5,5 volte superiori a quelle che i consumatori hanno ricevuto in caso di sinistro, con un livello di commissioni pari al 77% del premio pagato dai consumatori. Anche se le commissioni medie nell’assicurazione viaggi sono pari a circa il 24% del premio lordo scritto (GWP).

– Forte potenziale di un cattivo rapporto qualità-prezzo per i consumatori a causa di variazioni molto ampie del rapporto sinistri/premi. Alcuni assicuratori hanno un rapporto sinistri/premi inferiore al 20% del GWP rispetto al rapporto medio dei sinistri del 40% del GWP indipendentemente dal canale di distribuzione.

– Aumento dei rischi di comportamento a causa dell’ingresso sul mercato di nuovi operatori e della vendita online di prodotti assicurativi di viaggio come attività accessoria (compagnie aeree e di traghetti, siti web di comparazione dei prezzi, aggregatori, banche e supermercati).

– Rischi potenziali di prodotti e servizi di bassa qualità per i consumatori grazie a nuove partnership con i distributori attraverso gare d’appalto internazionali. In alcuni casi, queste partnership si basano esclusivamente sulle commissioni pagate ai distributori.

– Elevato grado di danno per i consumatori a causa dell’elevato grado potenziale di richieste di risarcimento licenziate, in assenza di screening medico precontrattuale e di circa il 70% degli assicuratori che escludono le condizioni mediche preesistenti dalla copertura dei prodotti assicurativi di viaggio.

– Potenziale aumento dei costi per i consumatori, in quanto nella maggior parte dei casi la valutazione delle sovrapposizioni nella copertura è stata effettuata solo in fase di sinistro e non già durante il processo di vendita. Gli assicuratori valutano solo nella fase di sinistro, quale polizza coprirà l’incidente e ripartisce i costi tra gli assicuratori.

Alla luce di questi risultati, EIOPA ritiene che tali modelli commerciali non siano coerenti con i principi normativi fondamentali enunciati nella direttiva (UE) 2016/97 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 dicembre 2016, sulla distribuzione assicurativa (IDD), quali l’agire nel migliore interesse del cliente e gli obblighi in materia di vigilanza sui prodotti e di governance.

L’EIOPA si aspetta che tutti i player del mercato si conformino pienamente alla direttiva.
Nonostante le imprese di assicurazione rimangano libere di fissare premi o prezzi, esse dovrebbero comunque valutare la loro offerta di prodotti e il processo di approvazione, compresa l’individuazione dei mercati target, per garantire che i loro prodotti offrano ai clienti un valore equo e siano pienamente in grado di soddisfare le esigenze dei loro clienti.
Le imprese di assicurazione e gli intermediari assicurativi dovrebbero valutare i loro accordi di distribuzione per garantire che siano in grado di agire sempre in modo onesto, equo e professionale, conformemente all’interesse superiore dei loro clienti.

Per garantire migliori risultati per i consumatori sul mercato assicurativo, l’EIOPA e le autorità nazionali garanti della concorrenza controlleranno attentamente il modo in cui le esigenze dei consumatori sono prese in considerazione nello sviluppo e nella sperimentazione dei prodotti e durante la distribuzione.

L’EIOPA e le autorità nazionali garanti della concorrenza intensificheranno la vigilanza basata sul rischio delle imprese di assicurazione e degli intermediari assicurativi, in particolare nei mercati nazionali in cui sono individuati i rischi, compreso il monitoraggio del mercato dei prodotti assicurativi accessori.

Le autorità nazionali garanti della concorrenza eserciteranno, se necessario, i loro poteri di vigilanza, compresi i poteri di indagine e i poteri di imporre sanzioni in caso di inosservanza degli obblighi di comportamento stabiliti nella DID, compresi:
– l’obbligo di agire nel migliore interesse dei clienti e di non pagare o ricevere una remunerazione in contrasto con tale obbligo
– l’obbligo di non stipulare accordi a titolo di remunerazione, obiettivi di vendita o altro che potrebbero incentivare la raccomandazione di un particolare prodotto assicurativo ad un cliente
– l’obbligo di mantenere, gestire e rivedere il processo di approvazione di ciascun prodotto assicurativo, specificando un mercato target identificato e valutando tutti i rischi rilevanti per tale mercato target.
Qualora vengano individuati rischi e altre misure di vigilanza non abbiano successo, tenendo conto del principio di proporzionalità e in linea con la legislazione nazionale, le autorità nazionali garanti della concorrenza eserciteranno i loro poteri per imporre sanzioni amministrative e altre misure quali richiedere al distributore assicurativo di porre fine al comportamento e di astenersi dal ripetersi di tale comportamento. In ultima istanza, nel caso di un intermediario assicurativo o di un intermediario assicurativo accessorio, la cancellazione dal registro nazionale.
Assicurazione viaggi