Aon, salute e prevenzione: 2 giovani su 3 fanno prevenzione.

La salute è una priorità per il 75% dei giovani. Lo evidenziano i risultati dell’ultimo studio realizzato da Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere -, in collaborazione con Aon, che ha analizzato il rapporto dei giovani con la salute, in particolare nell’ambito della prevenzione dell’insorgenza di malattie.

Il sondaggio, che ha coinvolto un campione di 892 uomini e donne tra i 18 e i 35 anni, vede al secondo posto delle priorità dei giovani la stabilità e il successo lavorativo (36%), mentre al terzo si colloca il bisogno di avere un buon rapporto col partner (35%).

All’importanza riconosciuta alla salute corrisponde un atteggiamento attento alla prevenzione: 2 giovani su 3 mettono infatti in atto comportamenti preventivi o attivi nel fronteggiare eventuali problemi fin dalla comparsa dei primi sintomi. Tuttavia, il restante 33% afferma di rivolgersi ai medici solamente quando i sintomi hanno effetti negativi sulla vita di tutti i giorni, una percentuale particolarmente alta tra gli uomini (39%). Le donne infatti si sottopongono a visite di controllo e si rivolgono al medico all’insorgere dei primi sintomi, mentre gli uomini dichiarano di provare una maggiore sensazione di benessere (54% di uomini contro il 48% delle donne), che li porta a mettere in atto minori comportamenti di prevenzione.

La spesa medica complessiva dichiarata dagli uomini (173€) risulta molto inferiore rispetto a quella sostenuta dalle donne (220€). Più in generale, la spesa annua per esami e visite mediche dichiarata si aggira intorno ai 200€, una cifra consistente considerando che solo una piccola parte del campione possiede un’assicurazione sanitaria integrativa o una convenzione sanitaria lavorativa.

La salute è un settore da sempre presidiato da Aon, sia al proprio interno, con iniziative orientate al benessere psico-fisico dei nostri dipendenti, che sul mercato attraverso l’offerta di soluzioni assicurative, e non, a supporto della prevenzione e cura delle malattie”, dichiara Enrico Vanin, Amministratore Delegato di Aon SpA e Aon Hewitt Risk & Consulting. “Gli esiti dello studio di Onda al quale Aon ha collaborato, fotografano dei giovani molto più consapevoli oggi dell’importanza di stare in buona salute, e di seguire programmi specifici di prevenzione”. 

Per promuovere il benessere e combattere le cattive abitudini che possono nuocere alla salute, Aon offre diversi servizi sia ai propri dipendenti, che alle aziende clienti. Oltre alle polizze rimborso spese mediche, Aon mette a disposizione dei propri dipendenti iniziative quali: uno sportello di supporto psicologico, tornei sportivi amatoriali sia estivi che invernali, iniziative di wellbeing come il mese dedicato al benessere, durante il quale i dipendenti hanno la possibilità di seguire lezioni di yoga, pilates e meditazione.

Sul mercato Aon è inoltre attiva con il servizio di prevenzione “Clinica mobile”, sviluppato in partnership con strutture sanitarie qualificate, con cui dà la possibilità di allestire un ambulatorio mobile nei pressi dell’azienda cliente, grazie al quale è possibile usufruire di un servizio di check-up in tempi rapidi a tariffe convenzionate e quindi più vantaggiose. Inoltre l’app “Care your health”, che permette invece di ricevere consulenza medica 24 ore su 24 da remoto e di registrare e tenere monitorati i propri parametri medici anche durante viaggi e soggiorni in ogni parte del mondo, dando la possibilità di mettersi in contatto con un medico e, dove necessario, chiedere una visita immediata.

salute