RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 16/10/2018

logo_mf

Manovra. Sarebbero gli unici settori a subire un aumento della tassazione. Le compagnie dovranno anche mettere in conto una riforma della Rc auto con eliminazione dei premi maggiorati nelle aree geografiche più a rischio
Cantieri aperti nel gruppo Unipol. Da scrivere c’è il nuovo piano industriale 2019-2021 che il group ceo Carlo Cimbri presenterà al mercato la prossima primavera. In questi giorni si intensificano le riunioni tra la prima linea manageriale per fissare più di qualche punto fermo del nuovo business plan. Uno di questi sarà la spinta all’innovazione e agli investimenti in tecnologia.

Taglio delle pensioni d’oro per un miliardo in tre anni mentre partirà a febbraio la riforma della legge Fornero con quota 100. Queste alcune delle misure contenute nel pacchetto di misure legate alla manovra approvato ieri dal consiglio dei ministri. Pacchetto del quale dovrebbe far parte un secondo decreto da affiancare a quello fiscale, una sorta di taglia scartoffie e leggi inutili (decisione assunta nel corso del vertice economico a palazzo Chigi). Oltre 100 adempimenti in meno per le imprese, Rc auto equa, mai piu caso De Luca commissario della Sanità (in Campania, ndr), chi ha crediti verso la pa non vedrà pignorata la casa, contro i medici furbetti che aumentano lista di attesa per l’intramoenia. Alcune di queste misure potrebbero essere effetto come detto di uno stralcio di parte delle norme del decreto fiscale. Le entrate, al momento, previste dalla manovra ammonterebbero a circa 8 mld di euro, i tagli sarebbero quantificati in 7 miliardi.
Il gruppo Axa Italia lancia Buon Lavoro!, la soluzione assicurativa dedicata espressamente a bar e ristoranti. Oltre alle coperture classiche, come l’incendio, il furto, la responsabilità civile e il fermo attività, sono stati inseriti degli ingredienti specifici: dalla tutela degli alimenti, coprendo il deterioramento per mancata refrigerazione, all’esplosione di fusti di birre e lattine, fino a una copertura nel caso di reazioni allergiche improvvise o intossicazioni alimentari dei clienti.
Da «assicurazione auto e moto» a nuove applicazioni nel ramo vita e casa come nel commercio; da startup poco conosciuta fino al 2014 a quarto player italiano con una brand awareness del 62% nel 2018, obiettivo il podio.
ConTe.it, operatore online del gruppo inglese Admiral, porta a Milano la sua case history a dieci anni dal lancio italiano, avvenuto nel 2008. E annuncia nuovi investimenti, come le sponsorizzazioni in Serie A, oltre ai progetti per gli anni a venire che Costantino Moretti, a.d. della società, definisce «cruciali» per il mondo assicurativo e l’evoluzione dei suoi mezzi.

 


Repubblica_logo

  • Dieselgate, Opel potrebbe richiamare 100 mila auto
La casa automobilistica Opel, parte del gruppo francese Psa, potrebbe dover richiamare 100 mila vetture, come conseguenza dell’indagine della procura di Francoforte sullo scandalo emissioni, strascico del dieselgate esploso nel 2015. Ieri la polizia tedesca ha effettuato delle perquisizioni presso le sedi di Opel a Russelsheim e Kaiserslautern nell’ambito di una inchiesta per frode. L’azienda è accusata di aver «messo in circolazione vetture con un software manipolato illegalmente». La presunta manipolazione riguarda circa 100 mila vetture in Europa, che potrebbero appunto essere oggetto di richiamo.

corsera

  • Meno burocrazia Banche, più tasse
Tra le novità della legge di Bilancio c’è l’arrivo di un secondo decreto, che scorpora dal decreto fiscale norme altrimenti non omogenee. Il decreto legge rinominato «taglia scartoffie e leggi inutili» cancella oltre 100 adempimenti per le imprese e ingloba misure per garantire una Rc auto «più equa». Inoltre, sancisce l’incompatibilità tra ruolo di governatore regionale e commissario alla Sanità «per non avere più casi De Luca», blocca i pignoramenti della casa per chi ha crediti verso la Pubblica amministrazione e ferma «i medici furbetti che aumentano la lista di attesa per l’intramoenia». Inoltre dal budget destinato all’accoglienza vengono tagliati «oltre 1 miliardo e 300 milioni di euro per il triennio», di cui «oltre 500 milioni di euro subito, a partire dal 2019». Non ci sarà nessun aumento delle tasse, promettono da Palazzo Chigi, se non per le banche e le assicurazioni, e invece arrivano 100 milioni di euro per le politiche della famiglia e più fondi per la Sanità.

  • Secondo Dl con Rc auto scontata al Sud, taglia-oneri, Cigs alle Pmi
Alla fine il decreto fiscale viene sdoppiato e le misure di semplificazione e alcune norme per le imprese finiscono in un secondo decreto “omnibus”. Un mix di micro-interventi, secondo le prime anticipazioni.
Oltre alle norme per la sanità spunta anche l’Rc auto, con il tentativo di rafforzare una norma già inserita nella legge concorrenza a tutela degli automobilisti virtuosi che pagano polizze più alte a causa del territorio di residenza (soprattutto al Mezzogiorno).
  • Più facile il passaggio tra compagnie
Nel decreto legge “omnibus”, ovvero lo stralcio del decreto fiscale, spunta anche l’Rc auto, con il tentativo di rafforzare una norma già inserita nella legge concorrenza a tutela degli automobilisti virtuosi che pagano polizze più alte a causa del territorio di residenza (soprattutto al Mezzogiorno). Un emendamento della passata legislatura – tra i firmatari tra l’altro proprio Di Maio – fu recepito nella legge concorrenza in modo più blando rispetto alle intenzioni. Il meccanismo, per applicare uno sconto parametrato alle province con meno incidenti, si rafforza, anche mediante una maggiore facilità di passaggio da una compagnia all’altra. Il nuovo meccanismo, se sarà confermato nelle sue anticipazioni, si espone alle stesse obiezioni sollevate in passato dalle compagnie: il rischio di compromettere il principio mutualistico delle assicurazioni. Con conseguenti rincari al Nord. E con un possibile “corollario” politico: un terreno di conflitto tra M5S e Lega.
  • Polizze, amministratore responsabile
L’amministratore di condominio è responsabile personalmente del pagamento del premio assicurativo della polizza condominiale. Se le casse son vuote , l’amministratore deve adoperarsi perché i condomini paghino nel più breve tempo possibile in modo da riattivare la polizza quanto prima . A questa conclusione è arrivata la Corte d’Appello di Roma con la sentenza del 2 maggio 2018, n. 2779.
Il proprietario di un immobile, vittima di un sinistro correlabile alla sicurezza del condominio, ha citato in giudizio il proprio amministratore affinché ne venisse accertata la responsabilità esclusiva e personale per non aver provveduto al tempestivo pagamento del premio assicurativo. La compagnia assicurativa aveva, infatti, rifiutato il pagamento per mancata copertura assicurativa, garantita dalla Polizza globale fabbricati, all’epoca del sinistro.
  • Il committente risponde dei danni durante i lavori
Risponde il committente in caso di danni a terzi nel corso di lavori dati in appalto che sono stati causati dalla «cosa» su cui viene fatto l’intervento. Il principio (riferito a un contenzioso con un Comune) è stato affermato dalla Corte di cassazione, con la sentenza 23442/2018.
Nel caso affrontato dalla Cassazione il Comune aveva dato in appalto i lavori di realizzazione di una bretella stradale, provocando un allagamento a un immobile e ai beni mobili ivi contenuti di proprietà di terzi. Il Tribunale di Treviso ha ritenuto responsabile dei danni l’impresa appaltatrice e la Corte di Appello di Venezia ha confermato il rigetto della domanda nei confronti del committente.
  • L’assicurazione sulla vita non entra di default nell’eredità
Se in un contratto di assicurazione sulla vita sono nominati, quali beneficiari della polizza, gli «eredi legittimi», l’erede testamentario del contraente non ha diritto a riscuotere il provento della polizza alla morte dell’assicurato, pretendendo che la designazione testamentaria superi quella contenuta nella polizza.
Lo decide la Cassazione nell’ordinanza 25635 del 15 ottobre 2018 in cui si specifica che se però il testamento revoca l’indicazione del beneficiario della polizza e indica un nuovo beneficiario, è quest’ultimo l’avente diritto a percepire il provento del contratto di assicurazione.
  • Veicoli autonomi e connessi per la consegna dei pacchi
Flessibilità, efficienza ed emissioni tendenti a zero sono gli elementi determinanti che oggi si richiedono al trasporto merci, soprattutto nell’ambito “ultimo miglio”, riguardante in particolare le aree urbane.
In Italia la crescita dell’eCommerce B2c è a due cifre: l’Osservatorio eCommerce B2c (promosso dalla School of management del Politecnico di Milano e da Netcomm) calcola un valore degli acquisti online nel 2018 di oltre 27,4 miliardi di euro, con un incremento del 16% rispetto al 2017. Questo significa un’impennata delle consegne porta a porta, il cosiddetto “ultimo miglio”, che è l’elemento meno efficiente dell’intera catena logistica.

Francia. La Matmut e la Macif hanno lanciato nuove offerte per il noleggio a lungo termine, un mercato in pieno boom. Le compagnie cercano di seguire i nuovi usi degli automobilisti in materia di mobilità. La Macif si è associata a LeasePlan France, mentre la Matmut ha sottoscritto un accordo con Arval.

Handelsblatt

 

  • Gli assicuratori vita usano la flessibilità come esca
Le compagnie vita pubblicizzano nuovi prodotti, versamenti e pagamenti flessibili. Ma questi servizi non sono gratis.