Italiani favorevoli a cedere dati in cambio di sconti e servizi

Secondo un report di Frost & Sullivan condotto per conto da CA Technologies, “Global State of Digital Trust Survey and Index 2018,” vi è una consistente differenza nella percezione della fiducia, fra le attese degli utenti consumer e le modalità di raccolta, conservazione e utilizzo delle informazioni digitali da parte delle organizzazioni.

Operando sempre più spesso online, gli utenti forniscono enormi quantità di dati personali alle aziende , che si trovano quindi a dover trattare e conservare una mole crescente di informazioni di carattere sensibile.

Pilastro del report è il Digital Trust Index elaborato da Frost & Sullivan sulla base di una serie di metriche che misurano i fattori chiave riguardanti la fiducia digitale, compresa l’eventuale disponibilità dei consumatori a condividere i propri dati personali con le aziende, la loro convinzione che queste ultime proteggano tali dati e la misura in cui ritengono che le aziende vendano i dati personali ad altre aziende. Il risultato è definito su una scala variabile, dove 1 sta per “assenza di fiducia” e 100 per “fiducia totale”.

Sulla base delle risposte fornite dagli intervistati nel 2018, in Italia risulta un Digital Trust Index di 57 punti su 100, leggermente al di sopra delle percentuali della Germania (54) e del Regno Unito (56), ma al di sotto del dato francese (58) e decisamente inferiore a quello americano (63). Questi punteggi denotano una fiducia marginale degli utenti consumer italiani nei confronti della capacità o della propensione delle aziende verso una protezione completa dei loro dati personali.

Gli specialisti di cybersecurity e i dirigenti aziendali italiani intervistati mostrano una maggiore fiducia, totalizzano una media di 76 punti nel Digital Trust Index, con una differenza di 19 punti nella loro percezione rispetto alle risposte degli utenti. Questa asimmetria fra la fiducia percepita e la fiducia effettivamente nutrita dagli utenti consumer è più forte che in qualsiasi altro Paese al mondo (la differenza media di percezione in Francia e Germania è pari a 17 punti, 13 punti negli Usa).

Quasi due terzi degli utenti consumer italiani (64%) sono disposti a fornire alle aziende i propri dati personali in cambio di servizi gratuiti o scontati – una percentuale più alta di qualsiasi altro Paese al mondo (media europea: 52%).

Inoltre la maggior parte delle organizzazioni italiane (70%) ammette di utilizzare internamente i dati degli utenti consumer, ivi comprese le informazioni a carattere personale (PII). Il 53% dei dirigenti aziendali ammette, inoltre, che la propria impresa vende i dati dei consumatori (comprese le PII) ad altri organismi/partner commerciali. Eppure, solo il 20% degli esperti italiani di cybersecurity ha affermato di essere a conoscenza della vendita dei dati personali da parte della propria azienda.

Una schiacciante maggioranza (82%) degli utenti consumer italiani privilegia la sicurezza alla comodità d’uso durante il processo di autenticazione delle transazioni. Le organizzazioni italiane la vedono diversamente: solo il 57% degli addetti alla cybersecurity e il 53% dei dirigenti aziendali antepone la sicurezza alla comodità.

Il 97% circa dei dirigenti delle aziende italiane asserisce di essere “bravissimo/molto bravo” a tutelare i dati dei consumatori, con un livello di confidenza più elevato di qualsiasi altro Paese europeo. La maggioranza (57%) dei dirigenti aziendali italiani ha tuttavia ammesso che la propria organizzazione è stata implicata in una violazione di dati degli utenti consumer divenuta di dominio pubblico; per l’82%, tale violazione sarebbe avvenuta negli ultimi dodici mesi.

Circa il 39% degli utenti consumer italiani dichiara di utilizzare correntemente servizi offerti da organizzazioni coinvolte in violazioni di dati divenute di dominio pubblico; di questi, il 39% ha smesso di avvalersi dei servizi di un fornitore proprio a causa di tale violazione.

Il 68% degli utenti e il 97% delle organizzazioni italiane concorda che la fiducia si rafforza quando vengono fornite ai consumatori informazioni di facile comprensione sulle procedure di tutela dei dati. Eppure, solamente il 53% degli utenti consumer italiani sostiene di ricevere abitualmente le informazioni in un modo chiaro e semplice da capire, sebbene il 97% delle organizzazioni affermi di averle fornite.