Fundación MAPFRE: premiati i tre progetti internazionali più promettenti

Sono stati ufficializzati i vincitori di “Social Innovation”, il progetto internazionale curato da Fundación MAPFRE e supportato da Verti Assicurazioni e MAPFRE, gruppo assicurativo globale di cui la compagnia diretta di Cologno Monzese fa parte.

“Social Innovation” è un’iniziativa che ha raccolto numerose proposte di innovazione sociale volte a contribuire al miglioramento di specifici aspetti del mondo in cui viviamo con un focus sulla salute, la mobilità e la cultura dell’assicurazione. I progetti pionieristici sono stati presentati da scienziati, ricercatori, imprenditori, studenti universitari e delle scuole di business provenienti dall’Europa e dall’America Latina. In palio per i vincitori, oltre alla possibilità di vincere complessivamente 90.000 euro in premi che contribuiranno a rendere i loro progetti una realtà, la possibilità di esposizioni, programmi di mentoring e supporto dalle imprese per raggiungere potenziali investitori.

Delle più di 500 proposte candidate provenienti da Italia, Austria, Brasile, Colombia, Cile, Ecuador, Messico, Perù, Regno Unito e Spagna, 27 hanno raggiunto le semifinali e successivamente 9 la finale di Madrid, sede del gruppo MAPFRE. Tra queste, infine, 3 hanno dimostrato di avere un potenziale di impatto sociale più elevato e di essere più praticabili tecnicamente ed economicamente.

I 3 PROGETTI VINCITORI

Nome progetto: MJN-SERAS
Paese: Spagna
Ambito: Health Improvement & Digital Technology
Descrizione: il primo dispositivo medico capace di predire un attacco epilettico.

Nome progetto: 4UNO
Paese: Mexico
Ambito: Insurtech
Descrizione: una piattaforma finanziaria volta a migliorare la qualità di vita di chi lavora nelle case, come badanti e domestici, creando nuovi tipi di assicurazioni dedicate.

Nome progetto: SCOBIC
Paese: Spagna
Ambito: Insurance Innovation
Descrizione: un sistema di veicoli per le consegne che aiutano a salvare vite umane. Attraverso un’app vengono geolocalizzate potenziali vittime di attacchi cardiaci e segnalate agli operatori che possono interrompere le proprie consegne e portare il defibrillatore nel punto necessario.