Arriva la norma antiscorrerie

di Gemma Mirarchi
Niente più scorrerie sul mercato italiano e anche le infrastrutture finanziarie sotto l’ombrello dei golden power. Lo prevede il decreto legge fiscale, prima tappa della manovra 2018, approvato ieri. Nel primo caso la norma prevede che al raggiungimento di una partecipazione del 10% l’acquirente debba rendere noti i modi di finanziamento dell’acquisizione; se agisce solo o in concerto; se intende proseguire gli acquisti, prendere il controllo o esercitare un’influenza sulla gestione. In questo caso sarà necessario rivelare la strategia che si intende adottare ed eventuali accordi e patti parasociali. Infine si dovrà dichiarare se si ha intenzione di chiedere l’integrazione o la revoca degli organi amministrativi. In caso di omessa comunicazione i diritti di voto non potranno essere esercitati. Le novità, come ha sottolineato ieri in una nota il ministero dello Sviluppo, non avranno però valore retroattivo, e quindi non si applicheranno al caso Vivendi -Mediaset . Nel dl c’è poi anche l’estensione dei poteri speciali alla tutela dell’ordine pubblico, che copre molti settori come le infrastrutture «critiche o sensibili», tra cui quelle finanziarie, quelle di accesso a informazioni sensibili, i semi conduttori, la robotica, la tecnologia spaziale. Retroattività esclusa anche in questo caso con effeto nullo sulla vicenda Telecom-Vivendi . Lunedì 16 ottobre, però il Consiglio dei ministri potrebbe esaminare il dpcm per l’esercizio dei golden power su Telecom Sparkle.
Fonte: