Pedone, ostacolo imprevisto e imprevedibile per l’automobilista

Va escluso il risarcimento in favore di un pedone investito allorché sia emerso che lo stesso aveva attraversato la strada senza tener conto che in quel punto non vi fossero strisce pedonali e che avrebbe dovuto concedere la precedenza ai veicoli che percorrevano quella strada, ponendosi così quale ostacolo imprevisto e imprevedibile per l’automobilista, il quale, a sua volta, aveva tenuto una condotta corretta, procedendo a una velocità congrua su una strada bagnata e priva di illuminazione.

Cassazione civile sez. III, 18/06/2015 n. 12595