Gestione delle risorse umane

 

Compagnie

Un problema trascurato dalle imprese assicurative italiane.
Le concentrazioni hanno acuito il problema anziché risolverlo.
Il costo del personale nel decennio è cresciuto assai più della raccolta premi

Autore: Fausto Panzeri
ASSINEWS 235 – ottobre 2012

Agli inizi del nuovo secolo si preconizzava un futuro assai problematico per i dipendenti delle compagnie di assicurazione in Italia. Si riteneva infatti che il loro numero dovesse inevitabilmente diminuire a causa soprattutto del progressivo miglioramento delle tecnologie, della concentrazione e fusione tra imprese e della standardizzazione sempre più accentuata dei processi organizzativi.
L’ipotesi più tranquillizzante per i lavoratori era quella che le imprese non procedessero più a nuove assunzioni per sostituire i lavoratori in quiescenza e realizzassero un forte sviluppo negli affari per preservare i livelli occupazionali. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati