Danno biologico, parità di trattamento a parità di danni

Corte di Cassazione, Sentenza n. 12408/2011. Effetti e problemi

Autore: Marco Rossetti
Assinews 224 – Ottobre 2011

Sez. 3, Sentenza n. 12408 del 07/06/2011 Presidente: Preden – Estensore: Amatucci A. P.M. Velardi (Conf.) Pan­taleo (Operamolla) contro Carige s.p.a. (avv. Affatati)
(Cassa con rinvio, App. Bari 6 ottobre 2005)

Danno biologico – danni non derivanti da sinistri stradali – applicabilità in via analogica dei criteri di liquidazione dettati dall’art. 139 cod. ass. – esclusione

Danno biologico – criteri di liquidazione – applicazione delle tabelle predisposte dal tribunale di Milano – ne­cessità

I criteri di liquidazione del danno biologico previsti dall’art. 139 cod. ass., per il caso di danni derivanti da sinistri stradali, costituiscono oggetto di una previsione eccezionale, e come tale insuscettibile di applicazione analogica anche nel caso di danni non derivanti da sinistri stradali.CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati