Valorizzare ruolo e funzione dei Ctu

Una riforma dei consulenti tecnici d’ufficio (Ctu) che ne valorizzi il ruolo e la funzione, garantendo i giusti compensi ai professionisti impegnati nelle attività con i tribunali. È l’appello lanciato dal tavolo delle libere professioni, composto da fondazione Inarcassa e da una serie di associazioni e di sindacati di ingegneri e architetti, che chiedono al governo interventi concreti per i Ctu (il tema è parte di uno dei decreti attuativi della riforma della giustizia).

Due gli aspetti, in particolare, sottolineati dal tavolo; il primo è la natura della prestazione svolta dai consulenti, verso la quale «ormai è stato chiarito che si tratta di incarico pubblico». Perciò, non può prescindere «dal possesso della partita Iva, dell’assicurazione obbligatoria professionale, dalla regolarità contributiva fiscale, previdenziale e dagli adempimenti previsti dagli ordini professionali», fanno sapere ancora dal tavolo. Il secondo aspetto riguarda invece i compensi «che ad oggi restano ancora determinati sulla base del decreto del ministero della Giustizia del 30 maggio 2002, dove la prima vacazione viene ricompensata con 14,68 € e le successive con 8,15 €. Occorre aggiornare il sistema tariffario, ipotizzando anche l’eliminazione dei tetti fissati agli articoli 11 e 13 del dm 30 giugno 2002», fanno sapere ancora dal tavolo. Parallelamente, viene richiesta anche una applicazione più flessibile del decreto in ragione delle attività rese, anche se non espressamente contemplate.
Fonte: