Super banca dati: un ko sulla privacy

Parere negativo del Garante privacy al ministero della salute e al ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale sullo schema di decreto che prevede la realizzazione della nuova banca dati denominata Ecosistema dati sanitari (EDS), prevista dalla riforma del Fascicolo sanitario elettronico. Il Garante, spiega una nota, ha chiesto anche di correggere un secondo schema di decreto, per favorire e migliorare l’implementazione a livello nazionale del Fascicolo sanitario elettronico (Fse). L’Autorità condivide la necessità di introdurre strumenti volti ad agevolare lo sviluppo di servizi sanitari digitali offerti ai cittadini, ma evidenzia come sia doveroso che, nella loro realizzazione, vengano rispettati i diritti fondamentali delle persone. Una tale tutela non è stata pienamente ravvisata nei due schemi di decreto i quali presentano “numerosi profili di violazione della disciplina in materia di protezione dei dati personali”. L’Ecosistema dati sanitari (EDS), previsto dalla riforma del Fascicolo sanitario elettronico con l’obiettivo di “garantire il coordinamento informatico e assicurare servizi omogenei sul territorio nazionale”, comporta di fatto la duplicazione di dati e documenti sanitari già presenti nel FSE e determina la costituzione della più grande banca dati sulla salute del nostro Paese, che raccoglierebbe a livello centralizzato, senza garanzie di anonimato per gli assistiti, dati e documenti sanitari relativi a tutte le prestazioni sanitarie erogate sul territorio nazionale.

Non solo. L’EDS si presenta come “una scatola vuota”, rinviando a successivi decreti la definizione di aspetti essenziali per la sua regolazione.
Fonte: logo_mf