S&P: miglioramento della redditività nel 2022 e nel 2023 per le riassicurazioni ma view negativo

Secondo un nuovo rapporto di S&P, il settore riassicurativo globale potrebbe finalmente trovarsi di fronte a un’inversione di tendenza, con miglioramenti dei prezzi che persistono per la maggior parte dei rami, mentre i rami catastrofali stanno vivendo un vero e proprio contesto di mercato difficile.

Ma questi miglioramenti dei prezzi saranno sufficienti a contrastare l’infinita serie di venti contrari che hanno frenato i rendimenti del settore riassicurativo per anni? L’impatto combinato di catastrofi naturali più frequenti e più gravi, l’inflazione selvaggia in tutto il mondo, le perdite da mark-to-market degli investimenti che erodono la capitalizzazione e il conflitto Russia-Ucraina minacciano il settore riassicurativo.

Di conseguenza, la visione di S&P Global Ratings sul settore riassicurativo globale rimane negativa, riflettendo le aspettative sull’andamento del credito nei prossimi 12 mesi, compresa la distribuzione delle prospettive di rating, i rischi esistenti a livello di settore e i rischi emergenti. Al 31 agosto 2022, il 19% dei rating dei 21 principali riassicuratori globali era in CreditWatch con implicazioni negative o aveva prospettive negative, il 76% aveva prospettive stabili e il 5% era in CreditWatch positivo.

Per i 21 principali riassicuratori valutati, S&P stima che, in media, il loro capitale sia più esposto al rischio di catastrofi naturali. al rischio di catastrofi naturali. La loro esposizione netta, misurata in base a un periodo di rendimento di 1 su 250 anni, è cresciuta del 4%. 4%, con un aumento del capitale medio a rischio (patrimonio netto, comprese le azioni privilegiate) al 28% nel gennaio 2022, dal 27% nel gennaio 2022. 28% nel gennaio 2022 dal 27% nel gennaio 2021. Inoltre, questi player hanno aumentato notevolmente i budget per le catastrofi naturali nel 2022 rispetto a quelli degli ultimi anni, consentendo una crescita dell’esposizione.

Tuttavia si notano due strategie in gioco. La metà dei 21 principali riassicuratori sta aumentando la propria esposizione netta ai catastrofi naturali di quasi il 20% in media nel 2022, mentre l’altra metà sta adottando una strategia più cauta e difensiva, riducendo la propria esposizione netta di un media del 20%. La divergenza delle strategie riflette la rivalutazione della propensione al rischio, l’ineguale adeguatezza dei prezzi in tutto il mondo, nonostante anni di miglioramento dei prezzi, e l’affaticamento da perdita. Poiché siamo siamo ancora nel pieno della stagione degli uragani nell’Atlantico, che tipicamente determina la performance dell’anno, eventi catastrofici di grandi dimensioni durante la stagione potrebbero mettere in discussione la strategia di quei riassicuratori che hanno mantenuto o aumentato l’esposizione alle catastrofi naturali.

Le perdite mark-to-market eroderanno i buffer di capitale nel 2022, ma il miglioramento dei ricavi, l’aumento del reddito da investimenti, la gestione prudente del capitale e i livelli elevati di gestione del rischio dovrebbero sostenere l’adeguatezza patrimoniale del settore e, secondo le attese di S&P, ciò continuerà a rappresentare un punto di forza per il settore.