Report: ancorare la valutazione del rischio di cambiamento climatico alle decisioni aziendali fondamentali nel settore assicurativo

Questo terzo rapporto della task force dell’Associazione di Ginevra sulla valutazione dei rischi legati ai cambiamenti climatici presenta casi d’uso aziendali e nuovi approfondimenti sulle priorità normative per offrire ai riassicuratori una guida sull’implementazione della valutazione dei rischi legati ai cambiamenti climatici per produrre informazioni rilevanti per le decisioni.

Dalla pubblicazione nel 2021 dei primi due rapporti della task force dell’Associazione di Ginevra sulla valutazione dei rischi legati ai cambiamenti climatici, il contesto in cui i riassicuratori sono in grado di valutare l’impatto dei rischi e delle opportunità legati ai cambiamenti climatici sui loro modelli di business si è ulteriormente evoluto.

Gli sviluppi della scienza, della tecnologia, delle politiche, delle normative e delle controversie in materia di clima hanno accelerato la necessità non solo di integrare la valutazione del rischio di cambiamento climatico nei processi decisionali aziendali di base, ma anche di considerare i rischi fisici, di transizione e di controversia su diversi orizzonti temporali e il loro effetto su attività e passività.

Il terzo e ultimo rapporto sulla valutazione del rischio di cambiamento climatico vuole essere una guida per aiutare i riassicuratori ad orientare le loro compagnie verso l’implementazione di una valutazione più olistica e di un’analisi di scenario lungimirante nei loro modelli di business.

Lo sviluppo di una valutazione olistica del rischio di cambiamento climatico richiede un processo esplorativo, iterativo e adattivo che richiede tempo. Con raccomandazioni dettagliate per i riassicuratori, le associazioni assicurative e gli enti normativi e di definizione degli standard, questo nuovo rapporto approfondisce le strategie e le tattiche necessarie per progredire in un panorama di rischio in evoluzione.

I punti salienti del report:

  • contributi dei principali organismi di regolamentazione e di definizione degli standard in tutte le giurisdizioni, che forniscono una prospettiva aggiornata sulle priorità normative e sulle domande essenziali per i consigli di amministrazione e i dirigenti dei riassicuratori.
  • Un quadro strategico per i riassicuratori su come condurre l’analisi, coinvolgere gli esperti delle funzioni aziendali pertinenti, estrarre e utilizzare dati e strumenti coerenti in tutta l’azienda.
  • Tre esempi di casi d’uso: le implicazioni dei rischi fisici sulla gestione del rischio d’impresa nel ramo Danni; le implicazioni dei rischi fisici e di transizione sugli investimenti (Danni e Vita); le interazioni dei rischi fisici e di transizione nel ramo Vita

Clicca qui per leggere il report