Rassegna Stampa assicurativa 3 settembre 2022

Selezione di notizie assicurative da quotidiani nazionali ed internazionali

 

Tra i diversi profili pensionistici che il Governo che discenderà dal risultato elettorale del 25 settembre dovrà affrontare vi è quello di come rilanciare la previdenza complementare. Sulla base dei dati relativi all’anno 2021 pubblicati dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip) risulta che le adesioni sono significativamente aumentate nel corso del tempo, anche per effetto della riforma del 2007.
Le recenti proiezioni aggiornate sulla spesa pensionistica pubblicate dalla Ragioneria generale dello Stato contengono un approfondimento tematico degli effetti determinati dallo shock inflazionistico che ha avuto inizio dalla seconda metà del 2021 alla luce di quelle che sono le stime previste dalla Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (Def) 2021. Si considera poi il riflesso del trend demografico in un Paese come l’Italia caratterizzato da un progressivo invecchiamento della popolazione con un basso tasso di natalità e un innalzamento della vita media.
Continua la situazione di surplace delle banche nei confronti di possibili aggregazione. Se ne parla molto ma non si realizza quasi nulla. La Bce per lungo tempo ha insistito sull’opportunità di concentrazioni transfrontaliere, mentre ora pare che l’orientamento sia per le aggregazioni in genere; diversi osservatori sostengono la necessità di una fusione che abbia funzione di leader a livello europeo.
La polizza di Cattolica è pensata per le persone disabili con un capitale che garantirà loro un sostegno quando resteranno sole
La polizza di UnipolSai si affida a un set di fondi interni a benchmark o con mandato flessibile

  • «Il welfare attivo delle Casse è una risorsa sociale da tutelare»

  • I gestori. Le incognite iniziano a frenare la raccolta dei fondi
  • Portafogli. I clienti delle reti sempre più imbottiti di liquidità
  • Polizze Hansard. Fine indagini per riciclaggio e truffa aggravata
  • Liti finanziarie Quando andare da un arbitro è una causa persa