Munich Re: riassicuratori rischiano di perdere rilevanza se la domanda cyber non viene soddisfatta

Munich Re mette in guardia sul fatto che il settore riassicurativo “potrebbe perdere rilevanza” se non troverà il modo di soddisfare la crescente domanda di copertura cyber con nuovi prodotti e servizi.

Parlando al briefing 2022 RVS a Monte Carlo questa settimana, il CEO della Riassicurazione Torsten Jeworrek ha osservato che c’è ancora una “forte domanda” nel mercato cyber, nonostante la mancanza di capacità disponibile.

Ha aggiunto che la performance di Munich Re in “tutti gli anni” con il cyber è stata “molto buona” e che il settore continua a offrire prospettive di crescita estremamente interessanti.

Gli analisti della società prevedono che il mercato mondiale del cyber crescerà da 10 miliardi di dollari alla fine del 2021 a circa 22 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni.

“Non c’è da stupirsi, in fin dei conti, perché più siamo nell’ambiente digitale, sia che si tratti di attività su Internet, sia che si tratti di beni reali, macchine e tutto il resto, più tutto dipende dalle informazioni digitali e dai modelli di business per modellare il rischio”, ha detto Jeworrek ai partecipanti alla conferenza di Monaco. “È importante per i produttori e per i clienti”, ha aggiunto. “Quindi la domanda c’è”.

I vertici di Munich Re hanno tuttavia osservato che la loro esperienza positiva non riflette necessariamente quella del mercato in generale, in quanto gli operatori hanno ritirato la capacità solo in seguito a un aumento delle perdite e a risultati negativi.

Con i prezzi che si sono impennati a causa della diminuzione dell’offerta di copertura che non riesce a soddisfare la crescente domanda, gli Stati Uniti continuano a essere considerati il mercato cyber più importante, anche se i dirigenti hanno riconosciuto che altri mercati come l’Europa e l’Asia stanno “recuperando terreno”.

Per quanto riguarda la posizione di Munich Re sul mercato in futuro, Jeworrek ha spiegato: “Abbiamo sempre detto di voler sviluppare questo mercato con una buona competenza sottoscrittiva, con buone collaborazioni e con aziende tecnologiche. È necessario avere una grande conoscenza del settore tecnologico e saper comprendere l’evoluzione del rischio informatico, perché non si tratta di un’attività a lungo termine in termini di rischio che rimane invariato. Il rischio informatico cambia ogni minuto, ogni giorno. E noi dobbiamo capire che vogliamo essere un assicuratore tecnico, conservatore e bravo”.

Jeworrek ha inoltre affermato che Munich Re ha “l’ambizione di sviluppare questo mercato” e di conseguenza ha investito molto nelle sue capacità tecniche e nelle sue competenze sul fronte cyber. Abbiamo più di 100 sottoscrittori cyber con una formazione specifica e molti rapporti con le aziende tecnologiche. Quindi ci sentiamo abbastanza bene. Ma ancora una volta, il pricing, la comprensione tecnica e la qualità della sottoscrizione sono per noi fondamentali”.

Nel corso dello stesso briefing di Monte Carlo, Jeworrek ha anche affrontato le sfide che Monaco di Baviera e il settore riassicurativo in generale devono affrontare nel periodo critico del rinnovo 1/1 e ha affermato che Munich Re non ha alcuna ambizione di ridurre la propria capacità di offerta nonostante il contesto di mercato “altamente incerto”.