Lockton Re: assottigliamento in vista per i broker di riassicurazione

I dirigenti della divisione riassicurativa Lockton Re si aspettano che il mercato dei broker riassicurativi si assottiglierà nei prossimi due anni, poiché alcuni operatori non riusciranno a rimanere competitivi.

Parlando durante una tavola rotonda in occasione dell’evento RVS 2022 tenutosi a Monte Carlo questa settimana, Tim Gardner, CEO di Lockton Re Global, ha osservato che il mercato dei broker riassicurativi si trova ad una sorta di “high watermark”: “Probabilmente l’anno prossimo, a quest’ora o poco dopo, ci saranno meno broker riassicurativi”, ha ammesso.

I vertici di Lockton Re si sono uniti a Gardner nella tavola rotonda di RVS per discutere della nuova reputazione dell’azienda come “broker sfidante”, dopo un anno di crescita impressionante in termini di organico e capacità.

Il management ha sottolineato che Lockton Re ha ampliato “drasticamente” i propri organici in un periodo di tempo molto breve, grazie alle perturbazioni del mercato causate da eventi come il fallimento della fusione Aon-WTW, che ha portato molti broker esperti a cercare nuove opportunità altrove.

“Siamo molto avanti rispetto ai nostri piani in termini di crescita”, ha spiegato Gardner. “E questo in ogni aspetto, come l’organico, la capacità, il numero di clienti, il fatturato, ecc.

Tuttavia, ha aggiunto che “la qualità di questa crescita è importante” e ha dichiarato che la sua azienda sta pianificando di rallentare la crescita e di concentrarsi sulla costruzione delle capacità e della cultura necessarie per garantire la longevità in un mercato difficile.

Mentre il mercato dei broker continua a riprendersi dal recente periodo di sconvolgimento, i dirigenti di Lockton Re rimangono scettici sulla durata di altre società sfidanti che potrebbero non essere state così perspicaci in aspetti come la cultura e la scelta dei clienti.

“Chi ce la fa e perché? È difficile dirlo con certezza”, ha dichiarato Gardner alla stampa in occasione della riunione di RVS. “Questo business è guidato dal capitale… e lo si può valutare in termini di quantità, quindi quante assunzioni vengono fatte, e poi ovviamente la qualità di chi vengono fatte. E poi c’è la traiettoria dei ricavi. Non si può entrare in questo settore come un generalista. Non si può entrare nel nostro settore senza solide capacità analitiche e di modellazione. E queste sono costose, ed è difficile trovare personale. Ma quando le trovi, sono la pietra miliare del valore che forniamo ai nostri clienti”.