La start up berlinese Hakuna ottiene 4 mln di euro

La startup berlinese di soluzioni assicurative integrate (embedded insurance) Hakuna, autodefinitasi “Il più facile upselling da quando è stato inventato l’e-commerce”, ha raccolto 4 milioni di euro in un round di avvio che ha lo scopo di sostenere il continuo sviluppo del suo prodotto, compresi gli sforzi di internazionalizzazione e l’aumento del processo di onboarding dei clienti.

Sulla scia del successo dell’e-commerce in tutto il mondo, il team fondatore di Hakuna, composto da Sebastian Jost (ex-CCO di SumUp), Orhan Köroglu (ex-direttore generale di abracar) e Rupert Mayer (ex-capo prodotto di abracar), ha dichiarato all’inizio di quest’anno che l’assicurazione è il prossimo progresso logico del settore.

Hakuna è stata fondata nel 2021 con la convinzione che i prodotti assicurativi abbiano il potere di sbloccare un valore senza precedenti nello spazio dell’e-commerce e che i commercianti non sempre hanno le risorse per predisporre piani di protezione personalizzati per l’intero inventario e che i clienti non sempre hanno il tempo di cercare un’assicurazione per tutto ciò che acquistano online.
Con Hakuna, i commercianti possono offrire la protezione dei prodotti come servizio, in modo che i loro clienti possano aggiungere i piani di protezione ai loro acquisti, senza ulteriori passaggi o inserimento di dati.
È come l’Apple Care, ma per commercianti di qualsiasi dimensione o settore.

Il round di Hakuna, del valore di 4 milioni di euro, è stato guidato da Earlybird con la partecipazione degli investitori esistenti Visionaries Club, Discovery Ventures, Victor Jacobsson, fondatore di Klarna, Marc Christ, fondatore di SumUp, e altri angel investor non rivelati.

A proposito dell’investimento, Christian Nagel di Earlybird ha commentato: “Siamo certi che il team di Hakuna, con il suo passato comune di B2B InsurTech, la sua dedizione alla protezione dei prodotti e l’altissimo livello di professionalità, riuscirà a consentire ai commercianti di qualsiasi dimensione e settore di offrire un’esperienza utente simile a quella di AppleCare. Siamo entusiasti di sostenerli in questo percorso”.