La parola fine sulla natura dell’azione di regresso del Fondo di Garanzia per le vittime della strada?

GIURISPRUDENZA AUTO

Autore: Bianca Pascotto
ASSINEWS 345 – ottobre 2022

Sono intervenute le sezioni unite della Corte di Cassazione a chiarire quale sia la (vera)
natura dell’azione di regresso che il Fondo di garanzia per le Vittime della Strada esperisce
nei confronti del responsabile non assicurato

Forse la tematica è un po’ ostica e magari rivolta più agli addetti ai lavori, ma per certo le ricadute pratiche della sentenza, emessa dalle sezioni unite della Cassazione nel mese di luglio1, interesseranno molti di coloro che hanno causato danni con veicolo privo di assicurazione e che si trovano attinti dalla richiesta di rimborso che la compagnia designata dal Fondo di Garanzia rivolge loro dopo aver risarcito il danneggiato.

Ed infatti, non sono pochi i casi di circolazione di veicoli senza copertura RCA ed i loro conducenti/proprietari forse non sanno che – ove dispongano ovviamente di un patrimonio
aggredibile – non la “scamperanno liscia”, confidando sull’intervento del FGVS, perché dovranno rimborsare a quest’ultimo (rectius alla compagnia assicurativa designata
dal Fondo) l’intero importo risarcitorio versato.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata