Jeworrek: Munich Re non ha intenzione di ridurre la capacità

Secondo Torsten Jeworrek, membro del Board of Management del colosso riassicurativo tedesco, Munich Re non ha alcuna intenzione di ridurre la propria capacità offerta in occasione dei prossimi rinnovi di gennaio 2022.

Intervenendo nel corso di un briefing con la stampa all’evento RVS di quest’anno a Monte Carlo, Jeworrek ha affrontato le sfide che Munich Re e il più ampio mercato riassicurativo si trovano ad affrontare nel critico periodo di rinnovo dell’1/1.

In particolare, il ceo ha sottolineato il contesto di mercato “altamente incerto” causato da fattori macroeconomici come l’inflazione, nonché la crescente domanda di capacità riassicurativa in questo periodo di volatilità.

Jeworrek ha dichiarato ai partecipanti al briefing che il mercato deve rimanere disciplinato nonostante l’inevitabile aumento del volume dei premi dovuto all’inflazione.

“Per quanto riguarda i prezzi, dobbiamo rimanere assolutamente disciplinati e vendere capacità solo se le ipotesi veramente prudenti sull’inflazione e sulle aspettative di perdita possono essere tradotte in termini commerciali”, ha sottolineato.

Allo stesso tempo, però, Jeworrek ha affermato che Munich Re ha “l’ambizione e la volontà” di mantenere invariata la sua capacità al momento del rinnovo, sostenendo invece che la “capacità finanziaria” della compagnia le consentirà di selezionare i rischi in modo più accorto. Non abbiamo l’ambizione di ridurla e non lo faremo”, ha osservato Jeworrek.

“Tuttavia, questo presuppone che il pricing sia davvero prudente e conservativo”, ha aggiunto. “Con questi presupposti siamo disposti a vendere. In questa prospettiva, tenendo conto di tutto ciò che riguarda le condizioni di prezzo e la sottoscrizione… siamo in grado di fornire la stessa capacità e la stessa protezione riassicurativa ai nostri clienti. Vogliamo rimanere un partner molto affidabile sulla base di un’ottima sottoscrizione”.

Jeworrek ha spiegato che per mantenere l’offerta di capacità, Munich Re dovrà inserire nei suoi prezzi un “sufficiente e ragionevole conservatorismo”, che tenga conto delle ipotesi di inflazione specifiche per i diversi Paesi.

Con oltre il 60% della riassicurazione convenzionale del riassicuratore in fase di rinnovo in termini di premi, il periodo di gennaio sarà fondamentale per Munich Re per fissare le tariffe a un livello adeguato per tenere conto dei venti contrari che il settore dovrà affrontare l’anno prossimo, ha aggiunto.

“Le ipotesi sull’inflazione e la determinazione dei prezzi devono essere abbastanza prudenti da prevedere un ulteriore peggioramento dell’inflazione nei prossimi mesi e nei prossimi anni dopo la fissazione del rinnovo”, ha concluso Jeworrek. “E quindi questo rinnovo è davvero molto impegnativo”.