InsurTech: come si evolverà l’ecosistema

Le società di consulenza Klein Blue e Roland Berger hanno esaminato gli sviluppi passati e presenti nel mondo dell’insurtech e hanno fornito alcuni spunti di riflessione per le start-up (e per gli assicuratori tradizionali). L’Argus ne dà un’anticipazione

L’insurtech è a un punto di svolta nella sua storia. Mentre le start-up assicurative continuano a raccogliere fondi significativi (appena rallentati dall’attuale crisi), alcuni dei fiori all’occhiello di questo mercato (per il momento soprattutto oltreoceano) stanno incontrando difficoltà tali da mettere in discussione la sostenibilità stessa del loro modello.

È in questo contesto particolarmente mutevole che le società di consulenza Klein Blue Partners e Roland Berger hanno condotto uno studio congiunto, consultabile qui, per fare il punto sugli ultimi anni e tracciare le prospettive di sviluppo a breve e medio termine.

Modelli Insurtech perfezionati nel tempo

Il mondo insurtech è ora nella sua terza fase”, sottolinea Salim Echoukry, fondatore di Klein Blue. La prima fase, durante la quale sono emersi alcuni neo-assicuratori più agili degli operatori tradizionali e in grado di acquisire clienti a basso costo, è ormai conclusa. Poi ci sono state numerose strutture che si sono lanciate sui servizi da fornire agli assicuratori. Ora sta emergendo una pluralità di modelli”.

“Quanto sta accadendo negli Stati Uniti permette di distinguere i modelli che sono riusciti a rimanere solidi da quelli che non lo sono stati”, sottolinea Christophe Angoulvant, senior partner di Roland Berger. Detto questo, aggiunge, non è solo il “divario geografico, per cui ciò che si vede al di là dell’Atlantico potrebbe essere replicato altrove”, a rendere possibile questa valutazione: gli assicuratori tradizionali, “che quattro o cinque anni fa dicevano che stavano innovando enormemente – ma senza farlo”, hanno cambiato marcia. “Ora stanno guardando a cose che potrebbero cambiare il settore”.

Il grande potenziale dell’assicurazione embedded

Klein Blue e Roland Berger hanno individuato dieci tendenze principali nell’evoluzione dell’insurtech, stimando le prospettive di ciascuna di esse da qui al 2024 su una scala da uno a cinque. Tra quelle con il maggior potenziale (cinque su cinque) c’è l’assicurazione embedded e/o white label: la Francia è ben nota per la sua presenza in questo settore (Acheel, Seyna, Wakam, ecc.), ma anche gli attori non assicurativi stanno esaminando l’argomento. “La collaborazione di Swiss Re con Ikea per iptiQ è quasi come un’assicurazione embeddedo”, afferma Salim Echoukry. Il fondatore di Klein Blue sottolinea che “l’assicurazione embedded è uscita dalla sua nicchia di affinità: ora l’assicurazione può essere embedded in un gran numero di prodotti, con una dimensione emotiva minore rispetto al passato”, sottolinea.

Tra queste specialità ad alto potenziale c’è anche un’altra tendenza matura: la lotta alle frodi e l’automazione dei sinistri. Allo stesso modo, le insurtech che offrono strumenti per automatizzare i processi interni e/o le relazioni con gli assicurati hanno un futuro brillante, come la società francese Golem.ai o la tedesca Omni.us.

Il primo trend individuato da Klein Blue e Roland Berger nel loro studio (con un punteggio potenziale di quattro su cinque) comprende attori emersi durante la “prima fase” dell’ecosistema insurtech: neo-assicuratori nel settore property e casualty, come Leocare, Lovys e Luko in Francia, ma anche Friday, Hedvig e Marshmallow.

“Con la pandemia, le reti di distribuzione fisica si sono chiuse, il che ha favorito il loro sviluppo”, afferma Salim Echoukry. Per fare un parallelo con le difficoltà incontrate oltreoceano da precursori come Lemonade e Metromile, va notato che “questi ultimi hanno privilegiato una strategia di acquisizione basata esclusivamente sul prezzo, attirando una selezione di cattivi rischi che non è possibile trovare allo stesso modo in Francia e in Europa”.

I neo-assicuratori europei hanno già tratto le conseguenze di questi fallimenti”, continua. Nel ramo salute (tendenza numero tre), il potenziale di sviluppo sembra leggermente inferiore (tre su cinque) ma, prevede lo studio, “l’internazionalizzazione di Alan in Europa sarà particolarmente monitorata per studiare la possibilità di riprodurre il loro successo in Francia in mercati con normative meno favorevoli”.

Quattro strade da percorrere per gli assicuratori “tradizionali

Cosa possono imparare gli assicuratori “tradizionali” da questi sviluppi? Lo studio Klein Blue/Roland Berger indica quattro strade da percorrere: partnership con nuovi assicuratori (o addirittura l’acquisizione di alcuni di essi, come Prévoir con Easyblue), partnership B2B su rischi emergenti in cui le insurtech sono più agili (ad esempio, clima e cyber) lo sviluppo dell’embedded insurance e il rafforzamento dei legami con i neo-wholesale broker (l’esempio “più emblematico”, secondo Salim Echoukry, è la compagnia francese +Simple) e, infine, facendo appello agli attori che sviluppano ciò che chiamano “tech for insurance“.

“Ancor più dei neo-assicuratori o dei neo-broker, gli operatori che offrono questi strumenti di accelerazione tecnologica hanno un futuro brillante davanti a sé”, afferma Christophe Angoulvant. Ma attenzione alla natura stessa di questi attori: mentre un gruppo come Guidewire raggruppa nella sua piattaforma gli strumenti di numerose insurtech (come Akur8, Friss, Zelros, ecc.), lo studio rileva invece che Axa può lanciare le proprie piattaforme. La sua “Digital Health Platform” (DHP) è stata creata nel 2020 con l’aiuto di Microsoft, seguita recentemente dalla sua “Digital Commercial Platform”.

Fonte: L’Argus de l’assurance

Insurtech