Groupama, in crescita la raccolta premi al I semestre

Al 30 giugno 2022, la raccolta premi combinata di Groupama ha raggiunto i 10,6 miliardi di euro, con un aumento del 5,5% rispetto al 30 giugno 2021. L’attività è in forte crescita nel ramo danni e responsabilità civile (+8,6%), con una raccolta premi di 5,7 miliardi di euro al 30 giugno 2022. Nel ramo vita e malattia, il gruppo ha generato una raccolta premi di 4,8 miliardi di euro.

In Francia, il fatturato assicurativo al 30 giugno 2022 è stato di 9,1 miliardi di euro, in aumento del 3,4% rispetto al 30 giugno 2021. Nel ramo Danni e Responsabilità civile, la raccolta premi al 30 giugno 2022 ammontava a 4,7 miliardi di euro, con un aumento del 4,5% rispetto al 30 giugno 2021. Le assicurazioni personali e professionali sono aumentate del 2,2% a 2,6 miliardi di euro, grazie alla crescita delle assicurazioni sulla casa (+2,6%) e sull’auto (+2,1%). Le assicurazioni per le imprese e le comunità sono aumentate in modo significativo (+5,8%), raggiungendo 861 milioni di euro. Anche la crescita del ramo agricolo (+4,8%) e la forte ripresa del ramo assistenza (+52,6%) hanno contribuito all’aumento del fatturato del ramo Danni e Responsabilità Civile nel primo semestre del 2022. Nel ramo vita e malattia, la raccolta premi è aumentata del 2,3% a 4,4 miliardi di euro nel primo semestre del 2022, trainata dalla crescita dei rami malattia e infortuni (+4,2%), grazie allo sviluppo della salute di gruppo (+8,1%), della salute individuale (+1,9%) e delle accettazioni di gruppo (+20,4%).
Il fatturato vita e di capitalizzazione del gruppo in Francia è diminuito leggermente nel periodo (-0,3%). La crescita delle attività di previdenza individuale (+2,5%) ha attenuato il calo delle attività di previdenza collettiva, che avevano beneficiato di bonus eccezionali nel 2021.

A livello internazionale, le attività hanno raggiunto 1,4 miliardi di euro, con un incremento del 23,8% a perimetro e tassi di cambio costanti rispetto al 30 giugno 2021, beneficiando del forte sviluppo delle attività in Romania. Questa forte crescita è principalmente attribuibile alle assicurazioni property e liability, il cui fatturato al 30 giugno 2022 ammonta a 1,0 miliardi di euro, con un incremento del +33,2% rispetto al periodo precedente. La crescita è stata trainata dal ramo auto privato (+48,4%). Nel settore delle assicurazioni personali, l’aumento è stato più modesto, con un +3,7% a 368 milioni di euro.

L’utile operativo del gruppo ammonta a 284 milioni di euro al 30 giugno 2022, con un aumento di 20 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2021. A causa di un primo semestre caratterizzato da un livello particolarmente elevato di sinistri legati agli eventi atmosferici, il risultato operativo economico è rimasto pressoché stabile a 74 milioni di euro nel primo semestre 2022, rispetto ai 78 milioni di euro del primo semestre 2021 per il ramo Danni e Responsabilità civile.

L’utile netto del Gruppo è stato di 232 milioni di euro al 30 giugno 2022, rispetto ai 297 milioni di euro al 30 giugno 2021.
Il patrimonio netto IFRS del Gruppo era di 8,3 miliardi di euro al 30 giugno 2022, rispetto ai 10,7 miliardi di euro al 31 dicembre 2021. Secondo Groupama, questa variazione è dovuta alla diminuzione della riserva di rivalutazione (2.564 milioni di euro), dovuta all’effetto meccanico dell’aumento dei tassi obbligazionari, che è stato solo parzialmente compensato dal contributo positivo dell’utile netto (+232 milioni di euro). Infine, al 30 giugno 2022, il tasso di copertura Solvency 2, senza la misura transitoria sulle riserve tecniche, è pari al 215%. Includendo la misura transitoria sulle riserve tecniche, autorizzata dall’ACPR, si arriva al 301%.