Fitch, è improbabile che il mercato D&O USA continui a registrare profitti

Tre anni di impennate dei prezzi delle polizze di responsabilità civile per amministratori e dirigenti (D&O) hanno spinto i combined ratio verso la metà degli anni ’90, ma i nuovi operatori e la potenziale volatilità dei sinistri potrebbero mettere in difficoltà i sottoscrittori nei prossimi anni.

Aggiornando un precedente rapporto sul mercato assicurativo D&O statunitense con i dati relativi al primo semestre del 2022, Fitch Ratings ha calcolato che il rapporto sinistri/premi diretti per i primi sei mesi dell’anno è stato pari a 53,4, rispetto al 54,7 per il periodo comparabile del 2021 (e per l’intero anno 2021), collocando il combined ratio nella fascia media degli anni ’90. Il miglioramento è stato accompagnato da un aumento del 22% dei premi di competenza, secondo l’analisi dell’agenzia di rating sui dati aggregati del settore dei supplementi statutari (da S&P Global Market Intelligence).

I premi diretti emessi, tuttavia, sono scesi per la prima volta da anni, scendendo a 6,0 miliardi di dollari per i primi sei mesi del 2022, rispetto ai 6,2 miliardi di dollari della prima metà del 2021, ha dichiarato Fitch.

“Dopo aver registrato un’espansione dei premi diretti di mercato di oltre il 130% dal 2018 al 2021, la crescita ha iniziato a invertirsi nel 2022, con un volume di premi in calo del 2,7% nel primo semestre del 2022 e una tendenza piatta o negativa che probabilmente persisterà nel breve termine”, hanno commentato gli analisti di Fitch nell’articolo del 31 agosto “D&O Insurance 1H22 Results Improve, Premium Growth Stalls”.

Aumentando i prezzi e adottando varie azioni di sottoscrizione (riduzione dei massimali, aumento delle ritenute e aggiunta di esclusioni di copertura), i vettori D&O sono stati in grado di far scendere i loss ratio da livelli superiori a 60 nel 2017 e nel 2018 fino all’attuale metà dei 50 anni. Tuttavia, Fitch ritiene che lo slancio dei tassi si stia attenuando, in quanto i nuovi operatori stanno espandendo la capacità di sottoscrizione.

L’espansione della capacità e la potenziale volatilità dei sinistri da più fonti “riducono la probabilità che gli attuali guadagni di sottoscrizione durino”.

L’articolo di Fitch sottolinea che i livelli di tariffazione devono tenere il passo con l’andamento dei sinistri per garantire la redditività a lungo termine, aggiungendo che l’andamento dei sinistri, difficilmente prevedibile, potrebbe aumentare in presenza di un aumento dell’inflazione e di una minore crescita economica.

“Una recessione economica che includa forti cali dei mercati azionari e un aumento delle insolvenze aziendali e delle fusioni fallite fornisce un sostanziale alimento per le richieste di risarcimento D&O”, si legge nell’articolo, che fa riferimento anche alla possibilità di un maggior volume di cause per le società di acquisizione a scopo speciale e a potenziali cause D&O legate alle pratiche di lavoro, alle minacce informatiche, al rischio climatico e alle criptovalute.