Bäte (Allianz): “Nessuna insurtech ha rivoluzionato il settore, ma abbiamo imparato molto da Lemonade”

Il CEO di Allianz Oliver Bäte è spesso accusato di aver sbagliato molte cose nella digitalizzazione della sua compagnia. La sua opinione è diversa: “La soddisfazione dei clienti e dei dipendenti è aumentata, il rapporto costi/benefici è diminuito. La digitalizzazione ha funzionato per noi“, ha dichiarato all’Handelsblatt Summer Camp di Monaco. Ha anche analizzato ciò che non va in Germania e ha dato consigli al governo federale.

Per due giorni, le discussioni si sono concentrate sul futuro dell’economia, sulle sfide del presente e sulle nuove tecnologie. Il caporedattore dell’Handelsblatt Sebastian Matthes ne ha parlato con Oliver Bäte.

Prima si è discusso di politica, e il ceo di Allianz ritiene sostanzialmente nella società tedesca siamo sempre insoddisfatti e vogliamo sempre di più, soprattutto dallo Stato. Tuttavia, nessuno si chiede come tutto questo venga finanziato. Tutti sono a favore dell’energia verde, ma nessuno vuole una turbina eolica davanti a casa. “La situazione è ancora peggiore in Francia, dove i cittadini sono ancora più insoddisfatti, anche se lavorano meno nell’UE. Richiedere sempre più tempo libero in concomitanza con redditi sempre più alti, a un certo punto non funziona più. A un certo punto le casse sono vuote, ma finché si possono accumulare debiti, è quello che si farà“. Anche il finanziamento del sistema sanitario continuerebbe a funzionare così per altri 15 anni, ma poi anche le casse sarebbero vuote.

Bäte elogia anche il governo tedesco nell’attuale crisi, perché almeno sta facendo qualcosa e non sta cadendo in uno stato di shock. Questo vale anche per le forniture di gas. “Sono un ottimista, ma credo che lì stiano accadendo davvero molte cose“. Sei mesi fa si pensava che la Germania avrebbe impiegato due anni e mezzo per mettere in funzione il primo terminale GNL. Ora è probabile che ciò avvenga già nel secondo trimestre del 2023. “Questo significa che la Germania può rendere possibili molte cose se si mette d’accordo“.

Purtroppo, ha detto, la Germania è “campione del mondo nell’avere paura” e nel criticare se stessa. “Il nostro Paese è molto più capace di quanto molti credano. Siamo bravi nell’ingegneria meccanica e farmaceutica, ma non dobbiamo deglobalizzare, bensì diversificare in termini di dipendenze, non solo nel settore energetico“. Inoltre, è necessario un diverso tipo di rete. “La Danimarca, ad esempio, deve regolarmente spegnere le sue eliche perché non siamo in grado di trasportare la sua energia in eccesso in Germania. Quindi dobbiamo investire non solo nella produzione di energia, ma anche nella sua distribuzione“.

Il ceo parla anche della trasformazione di Allianz. Quando ha assunto la carica di amministratore delegato nel 2015, “eravamo di livello mondiale nei prodotti ma mediocri nella soddisfazione dei clienti“. L’errore più grande di allora è stato quello di credere che tutto potesse essere risolto con la tecnologia. Per Bäte, i modelli di business digitali hanno successo grazie alla scalabilità dei costi e dei ricavi e al fatto che i clienti sono più soddisfatti delle soluzioni digitali. Allianz ha quindi collegato i propri obiettivi finanziari alla soddisfazione dei clienti. Dopo sei anni di trasformazione, Bäte afferma che la soddisfazione dei clienti e dei dipendenti è aumentata e il rapporto costi/benefici è diminuito. Queste sono le metriche più importanti per misurare la trasformazione digitale. “Una digitalizzazione di successo significa che siamo in grado di semplificare i processi in modo tale che i nostri clienti siano sempre più soddisfatti dei nostri servizi“.

Parlando delle innovazioni che la digitalizzazione ha portato, sottolinea: “Nessuna start-up ha rivoluzionato il business, eppure non si può sottovalutare il loro impatto“. Nel caso di Lemonade, dove Allianz ha investito, si è imparato che i chatbot intelligenti possono essere utilizzati in modo tale da risolvere molte domande dei clienti con un livello di soddisfazione molto elevato. Da Lemonade abbiamo imparato anche un modo diverso di trattare i dati.

Ma Bäte è anche particolarmente orgoglioso della propria azienda, in particolare di Allianz X, e non solo dal punto di vista finanziario. “Stiamo costruendo un’architettura integrata dei sinistri e questo non sarebbe stato possibile senza Allianz X“. Il modello di business della filiale è talmente vincente che, nel frattempo, sarà aperto a clienti terzi.