Auto elettriche in fiamme: Tesla si difende dalle “fake news” di Axa

La scorsa settimana, Axa Versicherung AG ha lanciato dei comunicati stampa che sottolineano i pericoli delle auto elettriche. Tra le altre cose, viene affrontato il pericolo di incendio. Un video mostra una ricostruzione dell’incidente di una Tesla. Una Model S viene catapultata su una rampa e si ribalta. Dopo qualche secondo, si sente un botto e la parte anteriore dell’auto inizia a bruciare.

Lo ha riferito la rivista Focus da cui abbiamo ripreso il nostro articolo di qualche giorno fa. Le auto elettriche hanno in totale tre punti deboli: il sottoscocca, il cosiddetto effetto “overtapping” e il peso elevato.

Tesla non è d’accordo e ribatte: “Tesla in fiamme, altri incidenti di auto elettriche: La compagnia assicurativa confonde con test e dati fake”. Il gruppo ha commentato il recente video di Axa, che da anni conduce crash test nell’ambito della sua ricerca sugli incidenti: “Invece di chiarire, gli ultimi test hanno portato piuttosto confusione. Davanti agli spettatori di Zurigo, la compagnia assicurativa ha fatto bruciare, tra le altre cose, una vecchia Tesla, che si è rivelata una messinscena. Ha inoltre pubblicato i dati relativi all’aumento della frequenza degli incidenti che coinvolgono le auto elettriche, ma questi si riferiscono solo alla Svizzera”.

L’autore del post si offende anche per il titolo di un comunicato stampa che recita: “Più collisioni e nuovi rischi a causa delle auto elettriche”.

Anche per le due seguenti affermazioni in un sommario: “Impressionante spettacolo di crash: Le auto elettriche causano un maggior numero di collisioni rispetto ai veicoli convenzionali a combustione interna, soprattutto quelli ad alta potenza, a causa dell’accelerazione a scatti. Attenzione alla mancanza di protezione della batteria: il sottoscocca si rivela il tallone d’Achille delle e-car”.

Inoltre, Axa ha confermato “la messa in scena con effetti pirotecnici” e ha apportato correzioni ai documenti di stampa su richiesta di una rivista automobilistica lunedì e martedì di questa settimana.

La nota “incendio simulato” è stata ovviamente aggiunta al video dell’incidente in un secondo momento. Un documento PDF informa che le batterie Tesla sono state rimosse e che è stato solo simulato un incendio.

Contrariamente alle affermazioni di Axa, secondo cui tutto ciò sarebbe stato chiaramente comunicato durante l’evento, né la versione svizzera né quella tedesca del comunicato stampa della scorsa settimana contenevano queste informazioni. L’accusa: “Così, inizialmente sono apparsi diversi rapporti che davano l’impressione che la Model S avesse effettivamente iniziato a bruciare durante il test”.

Il Gruppo Axa non ha voluto commentare il post sul blog, ma ha rimandato a una dichiarazione di Axa Schweiz. A proposito del crash test, si legge: “Durante l’evento è stato dimostrato che, se il sottoscocca è danneggiato, in determinate circostanze anche le batterie potrebbero subire danni, con il rischio di un incendio. Si tratta di uno scenario raro ma abbastanza realistico. Tuttavia, la dimostrazione di un incendio della batteria sarebbe stata troppo pericolosa a causa degli ospiti presenti, quindi le celle delle batterie delle auto elettriche sono state rimosse prima del test”.

Fortunatamente, il rischio di incendio nelle auto, indipendentemente dal fatto che siano alimentate a benzina o a elettricità, è basso. Secondo quanto riportato, solo cinque auto su 10.000 sarebbero statisticamente vittime di un incendio.

Con i veicoli elettrici, tuttavia, gli incendi possono essere estremamente complicati per i servizi di emergenza a causa del cosiddetto “thermal runaway”, ovvero la combustione delle celle della batteria. I ricercatori dell’incidente volevano attirare l’attenzione sul problema, quindi è stato simulato un incendio sul posto, prosegue il documento.

E: “Tutto questo è stato comunicato in modo trasparente durante l’evento e discusso in un panel di esperti”. Poiché le Tesla sono molto diffuse e rappresentano auto elettriche ad alte prestazioni, è stata scelta questa marca di auto per questa simulazione di incidente.

Nel corso dell’evento è stato anche sottolineato che gli attuali modelli Tesla sono dotati di un rinforzo supplementare del sottoscocca, che i ricercatori dell’azienda che si occupano di incidenti apprezzerebbero molto dal punto di vista della sicurezza.