I volumi delle reti su del 40%

ASSORETI: LA RACCOLTA NETTA DI LUGLIO A 5,5 MILIARDI. DA INIZIO ANNO +30,1% A 34,2 MLD

di Giovanni Galli
Si consolida il processo di crescita della raccolta netta realizzata dalle reti di consulenza: i dati rilevati da Assoreti indicano in luglio volumi netti mensili pari a 5,5 miliardi di euro, in crescita del 40,4% su base annua e del 5,3% rispetto al mese precedente. Il bilancio da inizio anno è positivo per 34,2 miliardi, con un incremento del 30,1% dallo stesso periodo del 2020.

Nelle scelte di investimento si conferma la preferenza per i prodotti del risparmio gestito. Le risorse nette confluite su gestioni collettive, individuali e prodotti assicurativi-previdenziali sono ammontate a 3,5 miliardi (+27,4% annuo +2,9% mensile), pari al 65% dei volumi totali. La componente amministrata del portafoglio ha visto flussi per 1,9 miliardi (+72,4% annuo e +10% mensile), alimentati da volumi di liquidità in crescita (1,7 mld).

«I dati di luglio, e in particolare la progressiva crescita di risparmiatori (+25 mila unità) che affidano le proprie disponibilità alla consulenza finanziaria, confermano come il clima di fiducia degli italiani verso la professionalità e la competenza dei consulenti finanziari rappresenti un asse portante per la ripresa agli investimenti», ha osservato Marco Tofanelli, segretario generale di Assoreti. «E questo lo si vede dai dati del mese, ma soprattutto dalla lettura dei risultati ottenuti da inizio anno. Gli investimenti netti su fondi, gestioni individuali e prodotti assicurativi-previdenziali raggiungono i 24,5 miliardi di euro, un volume d’attività che sostanzialmente equipara in soli sette mesi quanto realizzato nell’intero 2020».

L’87% delle risorse nette destinate alla componente gestita di portafoglio è confluito su organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr) e prodotti assicurativi, con una sostanziale ripartizione equa tra le due famiglie di prodotto. La distribuzione diretta di quote di fondi comuni ha determinato volumi netti positivi per 1,5 miliardi di euro (+28,6% annuo e +0,7% mensile). Si conferma la preferenza per gli Oicr aperti di diritto estero, con un orientamento delle scelte di investimento volto a privilegiare le gestioni collettive azionarie (674 milioni) e bilanciate (454 mln). Il comparto assicurativo è cresciuto del 37,7% a livello annuale (+13,1% mensile).

Il gruppo Fideuram si colloca al primo posto dall’inizio dell’anno per raccolta netta con 9,4 miliardi di euro, e per raccolta in risparmio gestito con oltre 6 miliardi. Per quanto riguarda la raccolta di luglio, Fideuram-Intesa Sanpaolo private banking è primo nella classifica di raccolta netta con 1,7 miliardi e di risparmio gestito con 856 milioni.

Fonte: