Riassicurazione: Munich Re primo gruppo al mondo per raccolta premi

La tedesca Munich Re ha riconquistato il suo posto come la più grande compagnia di riassicurazione al mondo in base ai premi lordi sottoscritti alla fine del 2020, dopo una crescita del 21,1% durante il periodo

Si basa sui dati dell’agenzia di rating A.M. Best, la classifica dei Top 50 gruppi riassicurativi globali stilata da Reinsurance news, che mostra come Munich Re abbia preso il primo posto da Swiss Re con una raccolta lorda riassicurativa di 45,9 miliardi di dollari nel 2020.

Oltre a una crescita impressionante nel corso dell’anno, il ritorno di Munich Re al primo posto, avvenuto l’ultima volta nel 2017, è anche il risultato di un cambiamento metodologico adottato da A.M. Best per includere solo la raccolta della riassicurazione di fine anno, eliminando i premi derivanti dall’assicurazione primaria dalle cifre.

L’agenzia di rating spiega che questo cambiamento, che ha impedito a Swiss Re di rivendicare il primo posto per il terzo anno consecutivo, consente di ottenere una maggiore precisione nella classifica.

Sia nel 2018 che nel 2019, Swiss Re aveva guidato la classifica, ma è scesa al secondo posto nella classifica del 2020 con una raccolta riassicurativa totale lorda di 36,6 miliardi di dollari.

“Swiss Re e Munich Re continueranno probabilmente a occupare i primi due posti della lista, poiché insieme rappresentano il 25,6% dei primi 50 player nel 2020, in leggero calo rispetto al 27,8% del 2019”, afferma A.M. Best.

In terza posizione Hannover Re con GWP di 30,4 miliardi di dollari e NWP di 26,2 miliardi di dollari, seguita dal riassicuratore francese SCOR in quarta posizione con GWP di 20,1 miliardi di dollari e NWP di 17,9 miliardi di dollari e da Berkshire Hathaway in quinta con GWP di 19,2 miliardi di dollari e NWP di 19,2 miliardi di dollari.

I movimenti più consistenti in classifica

Uno dei cambiamenti degni di nota nella top 10 è stata la salita di China Re dall’ottavo posto nel 2019 al sesto della lista sulla base dei dati di fine anno 2020, con GWP che ha raggiunto $ 16,7 miliardi e NWP $ 15,5 miliardi. Questa crescita ha visto China Re superare i Lloyd’s che sono scesi al settimo posto, con GWP di 16,5 miliardi di dollari e NWP di 12,2 miliardi di dollari.

Canada Life Re, che è una controllata di riassicurazione di Great-West Lifeco (numero nove del 2019), è salita all’ottava posizione nel 2020 con GWP di $ 14,6 miliardi e NWP di $ 14,5 miliardi. L’azienda si è scambiata di posto con il riassicuratore vita rivale Reinsurance Group of America, che siede al nono posto nella lista del 2020 con GWP di $ 12,5 miliardi e NWP di $ 11,7 miliardi.

Nel 2020, la top 10 è completata da Korean Re, che ha preso la posizione da PartnerRe con GWP di $ 7,8 miliardi e NWP di $ 5,4 miliardi.

“Come hanno fatto nel 2019, i 10 maggiori riassicuratori della lista hanno rappresentato oltre due terzi del GWP totale nel 2020: 68,5%, molto simile al 68,6% che detenevano nel 2019”, spiega l’agenzia di rating, aggiungendo che il leggero calo è stato probabilmente guidato dall’esclusione del business primario di Swiss Re.

La crescita dei premi dei primi 10 riassicuratori

Combinato, il GWP dei 10 maggiori riassicuratori è aumentato da 197,5 miliardi di dollari nel 2019 a 220 miliardi di dollari nel 2020, anche se la quota di premi della coorte è rimasta sostanzialmente la stessa.

Naturalmente, gran parte di questa crescita dei premi è probabilmente il risultato degli aumenti dei tassi e delle condizioni di mercato più favorevoli e più dure, una tendenza che molti commentatori e analisti, A.M. Best inclusa, si aspetta che persista nel 2022.

“La natura statica delle quote di mercato dei primi 10 riflette le loro relazioni dominanti con broker e cedenti, insieme al loro potere di prezzo e alle loro posizioni più isolate dalla concorrenza. Tuttavia, per le cedenti, questa concentrazione significa che la diversificazione dei loro pannelli riassicurativi e il miglioramento del rischio di controparte rimangono una sfida”, dice l’agenzia di rating.

Al di fuori della top 10, i nuovi ingressi nell’elenco per il 2020, che può essere visualizzato qui, includono Fidelis e Lancashire, che siedono rispettivamente al 41° e 43° posto della lista.

Il più grande aumento di premi lo ha visto Qianhai Re, che è salito di cinque posti al 34° posto della lista. Arch Capital, Generali e Caisse Centrale de Reassurance sono tutte salite di quattro posti nel 2020, rispettivamente al 18°, 19° e 26° posto della lista.

Il più grande movimento verso il basso della lista nel 2020 è stato Hiscox, che è sceso di sette posti al 47° posto della lista. Mentre IRB e Qatar Re sono entrambe scese di sei posizioni, rispettivamente al 31° e al 49° posto. AXIS Capital è scesa di cinque posti nel 2020 al 24° posto della lista.

Come mostra la tabella, molti dei riassicuratori hanno riportato combined ratio superiori al 100% nel 2020, risultando in un combined ratio per i primi 50 del 104,9% per l’anno, rispetto al 102,4% dell’anno precedente.

Riassicurazione

Clicca qui per la Classifica completa

“Le perdite legate al COVID-19 sono state significative per diverse compagnie, accompagnate da una continua inflazione sociale negli affari casualty statunitensi e dall’attività delle catastrofi naturali secondary peril. Solo per i quattro maggiori riassicuratori, le perdite legate alla riassicurazione P/C COVID-19 del 2020 hanno rappresentato una gamma di circa 5-15 punti percentuali nei loro combined ratio. Con il previsto ritorno alla normalità dopo la pandemia, insieme al previsto continuo irrigidimento dei tassi, si prevede un miglioramento dei combined ratio per il 2021, a meno di una stagione dei venti superiore alla media”, afferma A.M. Best.