Mumenthaler: il cambiamento climatico non è un rischio, è un fatto

In una recente intervista ad Artemis Christian Mumenthaler, CEO di Swiss Re, ha sottolineato che mentre il settore re/insurance ha certamente un ruolo da svolgere, non è la soluzione al cambiamento climatico.

Il rapporto IPCC 2021 sul rischio climatico ha offerto un forte avvertimento sul potenziale del cambiamento climatico di determinare maggiori impatti e costi degli eventi meteorologici.

Dato il loro ruolo di assuntori di rischio, gli assicuratori e i riassicuratori si trovano in una posizione unica nel dibattito sul clima, e probabilmente sono più consapevoli della maggiore frequenza e gravità di alcuni disastri meteorologici, come le inondazioni e gli incendi.

Con l’aumento delle perdite per pericoli secondari per i riassicuratori e la minaccia che il cambiamento climatico acceleri e intensifichi questa e altre tendenze, alcune delle quali sono sconosciute, Artemis ha parlato con Mumenthaler dell’impatto sul settore e del ruolo dei riassicuratori nel dibattito sul clima.

“Il cambiamento climatico ci sta ovviamente a cuore, e penso che sia perché da un lato ci tocca dal lato delle perdite, ma anche perché lo stiamo vedendo, siamo in anticipo, siamo all’avanguardia degli eventi“, ha detto Mumenthaler.

Di conseguenza, Mumenthaler ritiene che l’industria riassicurativa abbia visto arrivare tutto questo molto prima di altri, e quindi ha molta responsabilità nell’avvertire il mondo di ciò che ha visto. Ma questo non significa che abbia tutte le risposte.

cambiamento climatico

Penso che sia importante notare che il settore assicurativo e riassicurativo non può risolvere il cambiamento climatico. Il cambiamento climatico non è un rischio; il cambiamento climatico è una tendenza, è un fatto. Non si possono assicurare i fatti. Quindi la linea di tendenza negli anni sarà sostenuta dalle società, non dall’assicurazione o dalla riassicurazione”, ha continuato Mumenthaler.

Il ruolo dell’assicurazione/riassicurazione nel cambiamento climatico

Durante l’intervista, Mumenthaler ha spiegato che il ruolo dei riassicuratori nella società è quello di coprire la volatilità e le deviazioni dalla media.

“E così, lì, chiaramente, abbiamo cercato di aggiornare i modelli, questo è il nostro ruolo nella società. Anche per essere un messaggio ai portatori di rischio o alle persone che costruiscono case, ecc. E sperare di indirizzarlo verso metodi di costruzione più forti, e non costruire case nelle pianure alluvionali e cose del genere. Non possiamo renderlo più economico, più accessibile. Possiamo forse attraverso il taglio dei costi, ma nel complesso, non siamo la soluzione al cambiamento climatico, stiamo solo avvertendo su di esso e dando segnali di prezzo alla società, per sperare di prenderlo finalmente molto sul serio”, ha detto.

La perdita assicurata stimata di 15 miliardi di dollari dalla tempesta invernale Uri negli Stati Uniti, così come le più recenti inondazioni in Europa e gli incendi in corso in tutto il mondo, mostrano che “tutti devono adattarsi alle nuove realtà. Ma purtroppo, vediamo chiaramente le conseguenze del cambiamento climatico”.