Marsh: gli attacchi malevoli stanno diventando sempre più sofisticati

Nel 2020, l’80% dei sinistri cyber nell’Europa continentale è stato causato da attacchi malevoli (in aumento rispetto al 70% dell’anno precedente). Gli attacchi ransomware, cioè gli eventi con richieste di riscatto, hanno rappresentato il 32% dei sinistri, più del doppio rispetto al periodo dal 2016 al 2019 (14%).

Nel complesso, i danni informatici causati da attacchi malevoli segnalati sono aumentati dell’otto per cento nell’Europa continentale nel 2020. Questo è il risultato di un recente report pubblicato da Marsh in collaborazione con Microsoft, lo studio legale internazionale CMS e Kivu, una società di sicurezza informatica globale.

attacchi malevoli

L’aumento degli attacchi malevoli porta ad un aumento dei premi cyber per i clienti dell’Europa continentale

Il rapporto, “The Changing Face of Cyber Claims 2021“, analizza i sinistri delle polizze cyber riportati da Marsh in Europa continentale dal 2016 al 2020. Data la crescente frequenza e gravità degli attacchi informatici, i premi cyber per i clienti dell’Europa continentale sono aumentati in media del 39 per cento in tutti i settori nel primo trimestre del 2021, rispetto a un aumento del 37 per cento nel quarto trimestre del 2020.

Le industrie più colpite rimangono invariate dallo studio del 2019: istituzioni finanziarie; manifattura; comunicazioni, media e tecnologia e servizi. Tuttavia, il numero di sinistri in questi quattro importanti settori è aumentato significativamente nel 2020. Tre di loro hanno addirittura visto un aumento a tre cifre: il settore manifatturiero (104 per cento), le aziende di comunicazione, media e tecnologia (153 per cento) e i servizi (200 per cento).

Rapidi nel captare la paura della gente

Secondo il rapporto, con l’inizio della pandemia di Covid 19 in Europa nel marzo e aprile 2020, i criminali informatici hanno rapidamente captato la paura della gente e hanno lanciato ondate di attacchi. Le tattiche tradizionali e i malware hanno risposto all’aumento del bisogno di informazioni della gente su argomenti legati alla pandemia.

Gli attacchi malevoli come gli attacchi ransomware stanno diventando sempre più sofisticati in quanto i criminali informatici cercano di sfruttare le deboli protezioni organizzative e le debolezze umane“, Johannes Behrends, capo dell’unità Cyris di Marsh Germania, commenta i risultati.

L’assicurazione cyber può aiutare a mitigare la gravità degli attacchi malevoli

E l’esperto concretizza ulteriormente la sua osservazione: “In contrasto con gli attacchi di qualche anno fa, gli attacchi ransomware in particolare sono ora mirati. Sempre più spesso, i criminali prendono di mira le piccole e medie imprese, che spesso non sono sufficientemente preparate agli attacchi. La creazione di piani e protocolli di emergenza, così come la formazione di squadre di risposta alla crisi che possono essere rapidamente schierate per affrontare la crisi, sono cruciali. Mentre il miglioramento della sicurezza informatica e le misure di prevenzione sono la prima linea di difesa, l’assicurazione cyber può aiutare a mitigare la gravità di un incidente, sostenere le imprese attraverso la perturbazione e fino al recupero, e aumentare la resilienza“.