GDV: le inondazioni di luglio hanno causato i danni più costosi di sempre

Nessun disastro naturale in Germania ha lasciato così tante perdite come le inondazioni di luglio. Lo confermano le ultime analisi dell’Associazione tedesca delle assicurazioni (GDV).

Il fatto che le inondazioni di luglio siano stata una delle catastrofi naturali più devastanti in Germania dopo la tempesta “Bernd” è stato evidente al più tardi quando l’Associazione tedesca delle assicurazioni (GDV) ha rivisto al rialzo le sue previsioni fatte ad agosto 2021.

La GDV definisce “grande perdita” come un danno di un milione di euro o più ad una sola persona assicurata. Durante le inondazioni di luglio l’associazioen ipotizza che vi siano state circa 400 grandi perdite.

“Si tratta di un numero quattro volte superiore a quello delle inondazioni del 2002 sull’Elba e sul Danubio”, ha detto Jörg Asmussen, amministratore delegato di GDV, a Berlino mercoledì scorso. All’epoca furono registrate 102 grandi perdite, che – estrapolate ai prezzi attuali – costarono 701,6 milioni di euro. L’inondazione del giugno 2013 ha causato 75 grandi perdite che ammontano a 218,9 milioni di euro.

Queste grandi perdite si verificano principalmente nei settori commerciali e industriali, quando vengono colpiti edifici, macchinari e attrezzature. Ma sono possibili anche in edifici residenziali. “Ci sono state diverse perdite individuali assicurate oltre i 20 milioni di euro in questa inondazione improvvisa, per esempio nell’industria alberghiera, nella produzione chimica e nella lavorazione dei metalli”, ha detto Asmussen.

inondazione di luglio

La GDV punta all’estensione dell’assicurazione contro i rischi naturali

Ma se i danni per il settore assicurativo sono da record, le perdite economiche complessive sono considerevolmente più grandi. “A livello nazionale, nemmeno la metà degli edifici sono assicurati contro le piogge forti e le inondazioni”, sottolinea Asmussen. Ecco perché – ancora una volta – la richiesta di un’assicurazione obbligatoria contro i rischi naturali è diventata forte. La GDV rifiuta un tale dovere come misura individuale. Finora, i rappresentanti dell’industria e i funzionari delle associazioni hanno sostenuto la combinazione di diverse misure: Per esempio, la rinaturalizzazione dei corsi d’acqua e le misure strutturali di protezione dalle inondazioni. La piccola città sassone di Grimma può essere considerata un esempio positivo in questo senso. Dopo 12 anni di costruzione, vi è stato costruito un sistema completo di protezione dalle inondazioni.
In autunno, l’associazione vuole presentare le proprie idee su come aumentare la diffusione dell’assicurazione contro i rischi naturali. “Le proposte dovrebbero essere integrate in un concetto globale che includa anche più misure di prevenzione privata e statale”, scrive GDV.