Germania: broker condannato a risarcire per non aver fornito copertura adeguata

Il tribunale regionale di Amburgo ha ordinato a un broker assicurativo di pagare milioni di euro di danni a una società di sicurezza per non aver fornito un’adeguata copertura assicurativa, secondo quanto riporta il Versicherungsmonitor.

L’azienda doveva chiudere i cancelli di protezione dalle inondazioni per un cliente in caso di alluvione. Nel processo, si è verificato un errore che ha provocato un danno di 5,5 milioni di euro. Tuttavia, questa attività non era coperta dalla polizza di responsabilità civile. Il contratto non prevedeva la copertura assicurativa in relazione ai danni da inondazione a causa di un’omissione da parte della società. Questo nonostante il fatto che l’azienda avesse informato il broker dell’accordo contrattuale con la Polderschutz-Gemeinschaft.

Omissione costosa

L’assicuratore di responsabilità civile, confermato da una sentenza della Corte federale di giustizia, ha rifiutato di concedere alla società di sicurezza la copertura del sinistro. Così la società ha fatto valere le sue richieste di risarcimento contro il broker assicurativo. Il loro argomento: se avessero saputo della copertura assicurativa insufficiente, non avrebbero concluso il contratto.

L’attore aveva sostenuto costi per circa 260.000 euro solo per il precedente processo di copertura con l’assicuratore della responsabilità civile, più gli onorari dell’avvocato prima del processo per 16.000 euro. Inoltre, l’attore chiedeva di essere indennizzato dal broker contro le richieste di risarcimento danni delle parti lese che erano sorte a causa dell’inondazione.

La decisione del tribunale

Il tribunale regionale di Amburgo ha accolto il reclamo della società di sicurezza nella sua interezza.

Secondo la corte, un assicurato può esigere da un broker assicurativo, che ha trascurato di coprire un certo rischio in violazione dei suoi obblighi, di essere messo nella posizione in cui sarebbe se la copertura assicurativa richiesta fosse esistita nell’ambito di una cosiddetta quasi-copertura.

Un broker assicurativo ha l’obbligo di fornire una copertura assicurativa individuale adattata al rischio di un cliente, di indagare il rischio di propria iniziativa e di riferire sui suoi sforzi per stipulare una copertura assicurativa adeguata. Come parte del suo servizio, un broker assicurativo deve anche monitorare il rischio assicurato e lavorare per un adeguamento in caso di cambiamenti.

Il broker convenuto aveva violato questi obblighi. Il broker era quindi obbligato a mettere la querelante in una posizione tale come se fosse stata adeguatamente assicurata.

Nessuna limitazione all’importo massimo di responsabilità

La richiesta del querelante non era anche limitata a un importo massimo di responsabilità contrattuale. E’ vero che era stato concordato un limite di cinque milioni di euro per sinistro  nel suo contratto di assicurazione di responsabilità civile. Tuttavia, il broker assicurativo non poteva basarsi esclusivamente sul contratto esistente per una limitazione di responsabilità. “A causa della quasi-copertura, la querelante deve essere messa nella posizione in cui sarebbe stata se avesse ricevuto il consiglio corretto e avesse avuto l’assicurazione adeguata”, ha detto la corte.

I giudici non hanno anche accettato l’obiezione del broker assicurativo che nel contratto di brokeraggio i danni erano limitati a un importo di 2,5 milioni di euro. La clausola non è stata ritenuta valida. Questo perché prevedeva anche una limitazione di responsabilità nei casi di negligenza grave e questo non è legalmente ammissibile.

broker