Allianz Motor Day: auto elettriche più costose da riparare

Auto elettriche: le specifiche di riparazione rendono le riparazioni degli incidenti più costose; i costi di follow-up ingenti dopo incidenti e incendi

Il numero di auto elettriche sulle nostre strade sta aumentando rapidamente. I veicoli elettrici e gli ibridi plug-in hanno già preso quasi un quarto del mercato delle auto nuove nei primi sette mesi dell’anno con più del 50 per cento. Ma dal punto di vista assicurativo quale è il rischio di sottoscrizione di questi veicoli?

Il 22 settembre 2021, l’Allianz Center for Technology (AZT) ha presentato la sua ultima
valutazione al 9° Allianz Motor Day di Ismaning, concentrandosi sull’esperienza dei sinistri per quanto riguarda i rischi di incidente e incendio.

auto elettriche

I danni alle auto elettriche

L’indagine ha esaminato i danni a veicoli con una connessione di ricarica elettrica e un’autonomia elettrica significativa nel periodo dal 2018 al 2020.

Esternamente, le auto elettriche non differiscono quasi per niente dai veicoli con
azionamenti convenzionali. Ma sono più pesanti e solitamente più rigide a causa della batteria.
La batteria deve essere protetta al meglio contro i danni in caso di incidente. Ecco perché le auto elettriche sono costruite diversamente sotto la lamiera rispetto ai veicoli con motori tradizionali“, ha spiegato Carsten Reinkemeyer, responsabile della sicurezza
Research dell’AZT all’evento Allianz.

In termini di danni, le auto elettriche non differiscono fondamentalmente dai veicoli con
azionamenti convenzionali. Quando si tratta di riparazioni di incidenti, tuttavia, si possono vedere chiare differenze derivanti dagli standard o dalle specifiche del produttore per la riparazione dei veicoli elettrici.

Per esempio, una perdita economica totale può verificarsi rapidamente se le  specifiche del produttore stabiliscono che la batteria deve essere smaltita dopo che l’airbag è stato attivato. Anche un cavo ad alta tensione morso da una martora non può essere
riparato. Questo aumenta notevolmente il costo dei sinistri. Un set di cavi necessario
costa fino a 7.000 euro. Ma c’è un altro modo: Alcune compagnie automobilistiche usano
coperture protettive che possono essere scambiate. Questo può ridurre i costi di riparazione fino al 97 per cento.

I costi di follow-up rendono il danno più costoso

Una scoperta importante dello studio AZT è stata che, nel caso di veicoli elettrici gravemente danneggiati, il proprietario può incorrere in ulteriori spese oltre ai costi di riparazione. In linea di principio, un veicolo elettrico può essere riparato solo in un’officina che ha qualifiche per “veicoli ad alta tensione intrinsecamente sicuri”.

Se la sicurezza intrinseca non è più sicurezza intrinseca non è più data a causa di un danno grave – e questo è il caso di una parte relativamente piccola ma costosa parte del danno – allora la qualifica del personale dell’officina non è sufficiente. Questi ritardi di elaborazione dei sinistri prolungano il tempo di riparazione.

Un’altra differenza rispetto alle riparazioni di incidenti su veicoli convenzionali è che la batteria contiene ancora molta energia anche se il sistema non è più funzionale. Dopo un recupero, per esempio, sorgono costi aggiuntivi a causa delle necessarie precauzioni antincendio.

Nessun aumento del rischio di incendio con le auto elettriche

Ogni anno in Germania vengono segnalati circa 15.000 incendi di automobili. La quota di
veicoli elettrici è di gran lunga inferiore all’uno per cento. “Nel nostro studio non vediamo ancora una maggiore probabilità di incendio nei veicoli elettrici rispetto ai veicoli convenzionali a benzina o diesel”, dice Reinkemeyer.