Tribunale UK si schiera con gli assicurati nel caso Business Interruption per Covid-19

L’Alta Corte del Regno Unito ha emesso la tanto attesa sentenza sul test case della Financial Conduct Authority (FCA) per la business interruption (interruzione di attività) dovuta al lockdown, pronunciandosi a favore degli assicurati sulla maggior parte delle questioni chiave.

L’autorità di regolamentazione finanziaria britannica aveva portato avanti il caso a maggio per cercare di chiarire giuridicamente se gli assicuratori fossero obbligati a pagare le richieste di risarcimento per la business interruption relative alla pandemia COVID-19.

Circa 370.000 piccole imprese saranno interessate dall’esito della causa, con gli analisti che stimano che potrebbero essere in gioco tra i 3,7 e i 7,4 miliardi di sterline di risarcimenti.

Sulla base del campione di formulazioni di polizza presentato dalla FCA, la corte ha deciso che la maggior parte, ma non tutte, le clausole forniscono una copertura per le perdite connesse al COVID-19.

Ha inoltre concluso che alcune clausole di rifiuto di accesso forniscono copertura, a seconda della formulazione specifica e di come l’azienda è stata colpita da misure governative, come gli ordini di chiusura obbligatoria.

Inoltre, il test case ha chiarito che la pandemia COVID-19 e la risposta del governo e del pubblico erano un’unica causa del danno coperto, che è un requisito fondamentale per il pagamento dei sinistri.

Il risultato del caso è che gli assicuratori dovrebbero pagare gran parte dei sinistri che avevano in un primo momento negato, anche se gli assicuratori potranno appellarsi alla sentenza e ciò avverrà in tempi brevi, data l’importanza della questione.

“Abbiamo portato il test case per risolvere la mancanza di chiarezza e di certezza che esisteva per molti assicurati che hanno presentato richieste di risarcimento per interruzione dell’attività e per il mercato in generale”, ha spiegato Christopher Woolard, ceo ad interim della FCA. “Siamo lieti che la Corte si sia sostanzialmente pronunciata a favore delle argomentazioni da noi presentate sulla maggior parte delle questioni chiave. La sentenza odierna è un passo significativo per risolvere l’incertezza che gli assicurati devono affrontare”.

Anche se il verdetto sarà una buona notizia per molti assicurati, non significa che gli otto assicuratori convenuti siano responsabili di tutti i 21 diversi tipi di formulazione delle polizze presenti nel campione rappresentativo della FCA.

Vale inoltre la pena di notare che il test case non era inteso ad affrontare tutte le possibili controversie, ma a risolvere alcune importanti incertezze contrattuali e questioni di “causalità” per fornire chiarezza agli assicurati e agli assicuratori.

“Gli assicuratori dovrebbero riflettere sulla chiarezza fornita in questa sede e, a prescindere da eventuali ricorsi, considerare i passi che possono intraprendere ora per far progredire le richieste di risarcimento del tipo che la sentenza dice che dovrebbero essere pagate. Dovrebbero inoltre comunicare direttamente e rapidamente con gli assicurati che hanno presentato i sinistri interessati dalla sentenza per spiegare i passi successivi”, ha continuato Woolard.

Hiscox è uno degli assicuratori coinvolti nel test case e ha anche avuto una particolare attenzione da parte del pubblico dopo aver rifiutato di pagare quelle che gli assicurati hanno visto come legittime richieste di risarcimento per la BI legate alla pandemia, diventando l’obiettivo di un’azione legale insieme ad altre compagnie.

Zurich fa sapere in una nota che la sentenza conferma che le formulazioni rappresentate da Zurich Insurance Group non forniscono copertura per l’interruzione dell’attività in relazione all’epidemia COVID-19. Ciò è ulteriormente supportato dal numero limitato di richieste di risarcimento relative alle polizze con queste formulazioni ricevute fino ad oggi in relazione all’interruzione dell’attività nel Regno Unito e dal livello molto basso di controversie sulla copertura, sottolinea la compagnia. Zurich sta esaminando le implicazioni più ampie della sentenza in relazione alle formulazioni rappresentate da altri assicuratori nel test case FCA. Il conseguente aumento della stima del costo dei sinistri Property & Casualty del Gruppo in relazione al COVID-19, pari a 750 milioni di USD per l’intero anno 20201 , non sarà rilevante per i guadagni del Gruppo.

Per quanto riguarda la procedura di ricorso, Woolard ha detto che si svolgerà “nel modo più rapido possibile” e ha osservato che qualsiasi ricorso non preclude agli assicurati che cercano di liquidare i sinistri con il loro assicuratore prima che l’esito sia noto.

business interruption