Swiss Re: resilienza economia mondiale in calo nel 2020; il divario di protezione raggiunge 1,24 tn $

L’impatto dell’attuale pandemia COVID-19 dovrebbe portare a una riduzione di quasi il 20% della resilienza macroeconomica globale nel 2020, mentre il divario di protezione globale (gap tra perdite economiche e perdite assicurate) ha raggiunto un nuovo massimo di 1,24 trilioni di dollari, secondo Swiss Re Institute.

Nei suoi ultimi indici annuali di resilienza, Swiss Re Institute mette in guardia contro un brusco calo della resilienza globale rispetto ai livelli dell’anno scorso, quando i pacchetti di stimolo imposti dal governo hanno esaurito i buffer fiscali e monetari dei paesi di tutto il mondo.

Nonostante un miglioramento rispetto all’anno precedente, l’economia globale è entrata nella crisi in corso con una capacità di “assorbimento degli shock” inferiore a quella che aveva avuto quando è entrata nella crisi finanziaria globale del 2008.

L’indice di resilienza macroeconomica (E-RI) dello Swiss Re Institute mostra che per il mondo un punteggio di 0,62 nel 2019 rappresenta un miglioramento rispetto allo 0,61 del 2018. Tuttavia, si prevede un calo di quasi il 20% a 0,50 nel 2020.

L’indice mostra che per i mercati avanzati, il punteggio dell’E-RI dovrebbe scendere di circa il 24%, da 0,71 nel 2019 a 0,54 nel 2020, e per i mercati emergenti di circa il 10%, da 0,52 nel 2019 a 0,47 nel 2020.

Naturalmente, i pacchetti di stimolo sono stati di enorme importanza e hanno attenuato gli impatti economici, ma allo stesso tempo, tali misure hanno impoverito le riserve fiscali e monetarie di molti Paesi, portando a un calo del punteggio di resilienza.

Secondo Swiss Re, la maggior parte dei buffer sarà in gran parte esaurita nella maggior parte delle economie avanzate, con Regno Unito, Giappone e Stati Uniti che dovrebbero vedere i maggiori impatti sui loro buffer fiscali. Dall’altro lato dello spettro, il rapporto rileva che Svizzera, Finlandia e Canada sono le tre economie più resistenti, mentre il punteggio della Cina dovrebbe rimanere ampiamente in linea con l’anno scorso a causa di una rapida risposta all’epidemia.

L’economista capo del Gruppo Swiss Re, Jerome Jean Haegeli, ha commentato: “La risposta di stimolo fiscale e monetario a COVID-19 è stata fondamentale per ammortizzare l’impatto economico delle misure di blocco imposte dal governo. Tuttavia, la realtà della spesa in tempo di guerra è che lascia molto meno spazio per le future manovre politiche. Inoltre, il rischio principale di politica economica è che queste misure temporanee del governo sono troppo impegnative per potersi allentare e diventare permanenti, lasciando le economie dipendenti dagli stimoli in corso. Sarà fondamentale concentrarsi sulla ricostituzione della resilienza ripristinando i buffer fiscali e monetari, attraverso riforme strutturali per migliorare le prospettive di crescita a lungo termine”.

Inoltre, il rapporto avverte che la resilienza assicurativa contro la mortalità, la spesa sanitaria e le catastrofi naturali si è indebolita nel 2019, con il divario di protezione globale combinato per i tre pericoli che ora si attesta a un nuovo massimo di 1,24 trilioni di dollari.

In tutto il mondo, la resilienza alla mortalità è diminuita di gran lunga, soprattutto a causa di un crescente divario di protezione nella regione dell’Asia-Pacifico, mentre il divario di protezione della Cina si è gonfiato a causa del crescente indebitamento delle famiglie. Nonostante alcuni cali nei mercati emergenti, Swiss Re afferma che la resilienza sanitaria è rimasta stabile, mentre il divario globale di protezione della salute è aumentato di oltre il 5%, raggiungendo i 588 miliardi di dollari.

Mentre Swiss Re osserva che il più basso dei tre pericoli è la resilienza alle catastrofi naturali, il riassicuratore si aspetta che il divario in termini di protezione della salute e della mortalità continui ad aumentare, poiché le implicazioni finanziarie della pandemia continuano a farsi sentire in tutto il mondo.

“Il crescente divario di protezione globale è un’enorme opportunità per gli assicuratori di adempiere al loro mandato di assorbitori del rischio e migliorare la resilienza della società. In tempi di crisi, le famiglie hanno bisogno di protezione dai rischi. L’assicurazione è uno strumento chiave per aiutare le famiglie a ridurre la loro vulnerabilità finanziaria in ambienti dirompenti”, ha detto Haegeli.

Il gap di protezione globale è visto come una delle maggiori opportunità e sfide del settore ri/assicurativo, e il fatto che continui a crescere è un forte richiamo alla necessità di una protezione assicurativa adeguata ed economica per raggiungere i più vulnerabili del mondo.

resilienza