Amazon si prepara ad entrare nel mercato delle assicurazioni auto

Secondo GlobalData, il gigante tecnologico Amazon sta pianificando di entrare nel mercato delle assicurazioni per auto e moto.

La notizia piomba come una minaccia indesiderata per gli assicuratori tradizionali, che hanno dovuto sopportare un anno difficile durante la pandemia COVID-19.

L’ingresso di Amazon nel mercato assicurativo contribuirà a spostare le aspettative dei consumatori sull’acquisto di prodotti assicurativi da parte di operatori non tradizionali.

Amazon non è l’unica, poiché anche altre grandi aziende tecnologiche globali come Google, Apple e Facebook hanno un’enorme base di clienti, su cui possono fare leva nella vendita di assicurazioni.

Indipendentemente dalla loro attuale base di clienti, un sondaggio mostra che le persone sono ancora riluttanti ad acquistare da loro.

Il sondaggio di GlobalData UK Insurance Consumer Survey 2019 ha rilevato che il 62% dei consumatori preferirebbe non acquistare un prodotto assicurativo da Amazon. Allo stesso modo, il 63%, il 66% e il 78% dei consumatori non acquisterebbe un’assicurazione da Google, Apple e Facebook, rispettivamente.

Ben Carey-Evans, analista assicurativo di GlobalData, ha commentato: “Il gigante della tecnologia lo sta lanciando in India, ma ha un’enorme portata globale e alla fine potrebbe diventare un forte concorrente per le compagnie di tutto il mondo.

“L’assicurazione auto è stata una delle pochissime linee di prodotti relativamente poco influenzate da COVID-19 finora, con sinistri in gran parte in calo, a causa delle persone che viaggiano meno. Tuttavia, gli assicuratori non accoglieranno con favore la concorrenza supplementare, poiché si prevede un calo delle vendite di veicoli sulla scia della pandemia, dato che i consumatori continuano a lavorare da casa”.

Yasha Kuruvilla, Insurance Analyst di GlobalData, ha aggiunto: “Dal momento che i clienti sono riluttanti ad acquistare assicurazioni da società tecnologiche, la strategia migliore è quella di collaborare con un fornitore terzo, almeno fino a quando non diventeranno nomi riconosciuti nel settore assicurativo.

“La partnership di Amazon con l’insurtech Acko piuttosto che con un operatore storico evidenzia anche il desiderio del rivenditore di lavorare con aziende digitali e agili. Questo metterà ulteriore pressione sugli altri player, non solo per l’emergere di un nuovo grande operatore sul mercato, ma anche per la necessità di digitalizzare se vogliono lavorare con le compagnie tecnologiche in qualsiasi altra futura impresa assicurativa”.

Amazon