Accordo dati Zurich

AGENTI

Confronto fra Michele Colio e Enrico Ulivieri

Autore: Gigi Giudice
ASSINEWS 322 – settembre 2020

Un vero e proprio tormentone il tema del possesso dei dati dei clienti. Tema sul quale la disputa su chi dovessero appartenere si protrae da tempo immemorabile. Da una parte l’agente, teso a rivendicare gelosamente la proprietà dei dati del cliente, da lui “fisicamente” raccolti. Dall’altra parte la compagnia che argomenta e rivendica il possesso di quei dati che l’agente ha pur raccolto, ma che ha potuto farlo grazie al brand cui l’agente si è riferito.

In tempi recenti è accaduto che due fra le più importanti compagnie che agiscono sul mercato italiano (nel cui ambito operano circa la metà degli agenti attivi in Italia) abbiano si­glato un accordo che stabilisce regole sul possesso e utilizzo dei dati dei clienti.

Da qualche settimana anche Zurich Italia e il Gruppo Agenti Zurich hanno concordato e sottoscritto un Accordo Dati. Su come ci siano arrivati abbiamo interpellato Michele Colio, re­sponsabile della rete distributiva di Zurich Italia e Enrico Ulivieri, presidente del Gruppo Agenti Zurich.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati