Polizze Ppi: Lloyds Banking Group accantona fino a 2 mld sterline in più per risarcimenti

Il Lloyds Banking Group stanzia circa 2 miliardi di sterline in più per coprire il costo dello scandalo nel settore assicurativo delle polizze PPI nel Regno Unito.

Il gruppo ha annunciato in una dichiarazione che sarà necessario costituire accantonamenti aggiuntivi tra 1,2 e 1,8 miliardi di sterline (da 1,3 a 2 miliardi di euro) durante il terzo trimestre. Di conseguenza, ha deciso di sospendere il suo programma di riacquisto di azioni che doveva raggiungere 1,75 miliardi di sterline.

La banca ha riscontrato un volume di richieste di risarcimento molto più elevato di quanto previsto prima della scadenza del 29 agosto, che era stata data agli assicurati coinvolti per farsi riconoscere il diritto dalla loro istituzione finanziaria.

Nel periodo finale di adesione, il Lloyds Banking Group ha ricevuto tra le 600mila e le 800mila richieste di risarcimento alla settimana, molto più di quanto si aspettasse. Questo scandalo per l’assicurazione della protezione dei pagamenti (PPI) risale agli anni ’90, quando diverse banche nel Regno Unito iniziarono a vendere un’assicurazione del credito ingannevole insieme a prodotti bancari tradizionali, come prestiti o carte di credito. Dopo una massiccia fase di sottoscrizione, è emerso che alcune di queste assicurazioni erano state vendute senza che i clienti fossero stati informati e che queste coperture non funzionavano sempre come previsto quando gli utenti ne avevano bisogno. Sono interessate tutte le principali banche del Regno Unito, ma il Lloyds Banking Group è particolarmente coinvolto con oltre 20 miliardi di sterline in totale alla fine di giugno.